JP MORGAN: NESSUN COINVOLGIMENTO NEL CASO ENRON

24 Luglio 2002, di Redazione Wall Street Italia

La banca d’affari J.P. Morgan (JPM – Nyse) si difende dalle accuse di coninvolgimento nel caso Enron.

“Abbiamo agito con integrita’ e in modo appropriato in tutte le transazioni concluse con l’ex colosso energetico”, ha dichiarato William Harrison, presidente e amministratore delegato della banca d’affari nella conference call che si e’ tenuta in mattinata.

“I livelli attuali dell’azione, dopo il capitombolo di ieri del 18%, sono estremamente depressi”, ha annunciato Harrison. “Nella stessa giornata di oggi procedero’ a un buy back (riacquisto di azioni proprie) insieme al vice presidente Shapiro”, ha aggiunto Harrison.

La dichiarazione e’ stata resa nota all’indomani delle udienze indette ieri dal Congresso, che ha sottolineato che J.P. Morgan e Citigroup (C – Nyse) hanno aiutato per anni Enron a nascondere la montagna di debiti che poi l’ha condotta al crack.