JOINT VENTURE AEREA ONLINE: GLI ANALISTI APPROVANO

11 Maggio 2000, di Redazione Wall Street Italia

Il consorzio delle principali compagnie aeree europee per la creazione di un’agenzia di viaggio online è stato accolto favorevolmente dal mercato.

Gli analisti ritengono che l’affare, che vede coinvolte British Airways PLC (BAB), Air France Group (F.AFG), Deustche Lufthansa AG (G.LHA), Alitalia SpA (I.ALI), KLM Royal Dutch Airlines (KLM), Iberia Lineas Aereas de España (E.ILA), Scandinavian Airlines Systems A/S (K.SAI), Aer Lingus Group PLC (U.AEL), Austrian Airlines (R.AAI), British Midland (U.BML) and Finnair Oy (Y.FAI), sarà sicuramente strumentale nel taglio dei costi per le compagnie aeree, anche se non si conosce ancora l’effetto che il portale avrà sui consumatori.

Entro la fine dell’anno il nuovo sito web offrirà, insieme alle prenotazioni sui voli di tutte le compagnie partecipanti, servizi di viaggio tra cui hotel, autonoleggio e assicurazioni.

British Airways intende raggiungere entro il 2003 la vendita del 50% dei biglietti online con una riduzione dei costi di distribuzione dal 18 all’8%.

Gli operatori turistici sdrammatizzano l’impatto della joint venture sul settore e anche gli operatori online – come lastminute.com (L MIN) – sono certi che gli sconti speciali offerti saranno in grado di difendere le società dalla concorrenza del nuovo portale.

L’associazione delle agenzie aeree britanniche è comunque in stato di allerta. “Stiamo esaminando la situazione europea, con un occhio anche a quella americana”, ha dichiarato il portavoce dell’associazione. “Se sorgeranno controversie non esiteremo a considerare un’azione legale”.

Gli agenti di viaggio americani stanno infatti cercando di bloccare una simile iniziativa tra le maggiori compagnie aeree statunitensi.