J.P. MORGAN ADOTTA T-BOND A 10 ANNI COME BENCHMARK

5 Febbraio 2000, di Redazione Wall Street Italia

La J.P. Morgan ha annunciato venerdi’ che comincera’ a utilizzare il titolo del Tesoro Usa a 10 anni come punto di riferimento per valutare i bond a lungo termine emessi delle aziende.

Il passo mette per la prima volta in secondo piano il titolo del Tesoro a 30 anni, fin dagli anni Settanta l’unico ”benchmark” del mercato obbligazionario americano (e mondiale).

Di fatto molti altri grandi intermediari finanziari a Wall Street si stanno orientando a detronizzare il T-bond a 30 anni.

Alla Merrill Lynch, secondo il Wall Street Journal, la divisione reddito fisso sta gia’ consigliando la clientela a determinare la fascia di prezzi sul mercato obbligazionario facendo riferimento al decennale, e non al trentennale.

Stesse indicazioni si hanno dalla Salomon Smith Barney (gruppo Citigroup) dalla Chase Manhattan Bank.

La mossa della J.P. Morgan arriva proprio alla fine della settimana in cui sul mercato del reddito fisso Usa si e’ assistito a una turbolenza senza precedenti (vedere i vari articoli di Wall Street Italia).

Cio’ ha provocato il fenomeno assai raro dell’inversione della curva dei rendimenti, per cui le maturita’ a breve rendono meno di quelle a lungo.

Il Ministero del Tesoro americano questa settimana ha annunciato che ridurra’ il numero delle emissioni di bond con scadenze a lungo termine. Motivo: il boom dell’economia degli Stati Uniti che permette di ridurre il debito, anche grazie al surplus di bilancio per la prima volta da anni.