“Italia rispetti deficit per evitare nuove tasse”

27 Settembre 2013, di Redazione Wall Street Italia

ROMA (WSI) – Rispettare l’obiettivo del 3% di deficit non è il frutto di una “politica cieca” di Bruxelles ma “è importante per l’economia italiana” perchè evita che si debbano “mettere nuove tasse per servire il debito invece che utilizzare risorse per gli investimenti”. Lo ha detto il portavoce della Commissione Ue.

Il tesoro è al lavoro per tentare di scongiurare l’aumento dell’Iva. Tra le ipotesi allo studio l’aumento delle accise sui carburanti. “E’un’opzione possibile, anche se io spero di no”, ha detto il sottosegretario all’Economia, Alberto Giorgetti, a margine di un’audizione al Senato.

I benzinai sono già sul piede di guerra: ”Non appena il Governo dovesse per l’ennesima volta mettere mano alle accise sui carburanti, la risposta dei gestori sarebbe decisa e conseguente, con la proclamazione immediata dello sciopero nazionale sia sulla viabilità ordinaria che su quella autostradale”, affermano, in una nota congiunta, i sindacati di categoria Faib Confesercenti, Fegica Cisl e Figisc-Anisa Confcommercio. (ANSA)