ITALIA: CON RECESSIONE PERSI 200 MILA POSTI

17 Luglio 2009, di Redazione Wall Street Italia

Dall’inizio della recessione sono 200mila i posti persi. Lo rivela il Centro studi di Confindustria nella Congiuntura Flash. Nel mese di giugno sono continuate ad aumentare le ore autorizzate di Cassa integrazione, con un incremento del 6,8% rispetto a maggio (dati destagionalizzati).

”Se le richieste rimanessero al livello di giugno per il resto dell’anno – si legge – , il monte ore nel 2009 raggiungerebbe gli 839 miliardi, superando il picco del 1984 (812 miliardi)”. ”Resta alta la quota di imprese manifatturiere italiane che non ottiene credito (7,5% a maggio)”, rileva poi il Centro studi di Confindustria.

I prestiti alle imprese in maggio, continua il Csc, sono rimasti stabili in maggio (+0,1% destagionalizzato) frenando a +2,6% annuo (12,6% un anno fa). Inoltre i prestiti all’economia dei maggiori gruppi in Italia calano del 2,1% annuo a marzo (+10% a novembre 2007). Quelli delle altre banche restano in crescita (10%). ”Le grandi banche, che si finanziavano piu’ sui mercati all’ingrosso, hanno avuto maggiori difficolta’ di raccolta”, afferma il Csc, aggiungendo che ”le piccole sono piu’ radicate nelle economie locali”.