INTERNET: TRIBUNALE, NAPSTER PUO’CONTINUARE

12 Febbraio 2001, di Redazione Wall Street Italia

La Corte Federale ha riconosciuto Naster colpevole di aver infranto le disposizioni sul diritto d’autore, ma solo con responsabilita’ secondarie. La Corte di San Francisco ha qundi giudicato l’ingiunzione di chiusura emessa dal Tribunale di Primo Grado ‘esagerata’, chiedendogli di riconsiderare la sua decisione.

Il Tribunale d’Appello ha specificato che il ‘Audio Home Recording act’, la legge che riconosce agli artisti e alle case discografiche i diritti d’autore, non copre i file scaricati via Internet.

Napster quindi puo’ continuare ad operare, e nonostate debba ancora aspettare la revisione della sentenza di primo grado e altre cause siano gia state intentate dalle major discografiche, i suoi 57 milioni di utenti possono tirare un sospiro di sollievo.

(Vedi Internet: Napster, colpevole ma meno di prima )