INFLAZIONE: GREGGIO BENEFICIA DELL’EFFETTO CLINTON

12 Settembre 2000, di Redazione Wall Street Italia

Il prezzo del petrolio scende di quasi il 3% dopo che il presidente degli Stati Uniti Bill Clinton ha tranquillizzato gli investitori su un’eventuale diminuzione delle scorte di greggio per i mesi invernali.

“L’amministrazione sta lavorando perche’ le scorte di petrolio per il riscaldamento delle case venagno riempite entro la fine di Ottobre – ha detto Clinton – Il dipartimento dell’Energia e’ al lavoro per raccogliere circa 2 milioni di barili di petrolio in modo da non ripetere gli errori dello scorso anno”.

Al Mercantile Exchange di New York, il contratto future sul greggio con scadenza ottobre ha chiuso oggi a $34,20 al barile, un ribasso dell’4,2,68% rispetto a lunedi’.

Prima delle considerazioni di Clinton, il prezzo del petrolio era arrivato a $35,84 al barile.