INDEPENDENCE DAY: PRONTO UN MILIONE DI BANDIERE

3 Luglio 2000, di Redazione Wall Street Italia

Per gli americani il 4 luglio, giorno dell’indipendenza, e’ sinonimo di scampagnate, parate e fuochi d’artificio.

Nel cestino da pic-nic non mancano mai la birra e per i minori di 21 anni le bibite gassate.

Gli statunitensi adulti infatti preferiscono la bevanda ‘bionda’ al vino e secondo gli ultimi dati disponibili dal Censo, nel 1997 hanno consumato 34 galloni di birra procapite e solo 3 galloni di vino, aggiungendo alle libagioni 53 galloni di bevande gassate.

Dopo la scampagnata il patriottismo – gia’ piuttosto evidente negli americani ( negli USA 27 paesi portano il nome Liberty, 10 Independence e 4 Freedom) – prende il sopravvento e lo sventolio di bandiere a stelle e strisce diventa sinonimo di parate.

L’anno scorso gli Stati Uniti hanno importato dalla Cina oltre $1,1 milioni di bandiere, esportandone quasi $170 mila in Gran Bretagna (Paese da cui si celebra l’indipendenza il 4 di luglio!).

Per concludere le celebrazioni non possono poi mancare i fuochi d’artificio che gli Stati Uniti importano prevalentemente dalla Cina. Sul totale di $131,1 milioni di giochi pirotecnici importati l’anno scorso, $122,4 milioni provenivano infatti da quel Paese.