Incidenti stradali: in arrivo riduzione dei risarcimenti per le vittime di lesioni gravi

15 Febbraio 2021, di Alessandra Caparello

Taglio dei risarcimenti per chi ha subito danni da incidenti stradali: questa la novità contenuta in un decreto di prossima pubblicazione  dal titolo “Regolamento recante la tabella delle menomazioni all’integrità psicofisica comprese fra 10 e 100 punti di invalidità” che prevede una revisione delle tabelle dei risarcimenti che porterebbe al -10,5% del risarcimento per lesioni che determinano una invalidità al 50% e, per invalidità fino al 10%, si arriverebbe quasi al -13%.

Incidenti stradali: come cambia il risarcimento

Oggi chi subisce un incidente stradale e riporta lesioni gravi viene risarcito dalle compagnie di assicurazioni in base ad una specifica tabella che stabilisce i valori monetari e medico/legali.
Questi indennizzi, tuttavia, rischiano di essere rivisti al ribasso. Ad esempio il risarcimento per danni fisici da incidente stradale che determinano una invalidità al 50% il valore dei risarcimenti, a seconda della fascia d’età delle vittime, calerebbe fino al -10,5%; per invalidità fino al 10% la riduzione arriverebbe addirittura al -12,7%.

Così fa emergere un’analisi di Assoutenti secondo cui la finalità del decreto attualmente ancora in bozza sarebbe di garantire alle compagnie assicuratrici ulteriori risparmi sui risarcimenti. In questo modo, secondo le intenzioni del legislatore, le compagnie sarebbero in condizione di ridurre i premi delle polizze Rc auto.

Tuttavia il risultato immediato finisce per danneggiare gli interessi degli utenti vittime di incidenti e favorire le imprese del settore, per le quali il risparmio con tali misure sarà compreso tra i 500 e gli 800 milioni di euro annui.

Una scelta ingiustificata, dice l’associazione, alla luce di alcuni dati sui sinistri stradali che ricordano di seguito. Dal 2010 al 2019 la sinistrosità in Italia si è ridotta del 46%, secondo dati ANIA e da gennaio a settembre 2020 la sinistrosità è passata dal 5,51% al 3,60%. Inoltre dal 2012 al 2019 su oltre 116 miliardi di raccolta premi nella RC auto, le assicurazioni hanno conseguito utili per oltre 10 miliardi, con una redditività media per polizza di oltre il 9%.