IN CALO I TELEFONICI E SEAT, BENE FIDEURAM E BNL

21 Febbraio 2000, di Redazione Wall Street Italia

In assenza di Wall Street, Piazza Affari non riesce a guadagnare alla prima seduta della settimana.

Il trend ha seguito l’apertura negativa di questa mattina e le vendite l’hanno fatta da padrone.

Forte calo su tutto il comparto dei telefonici: Olivetti a -3,92%, Tecnost a -4,38%, Telecom a -2,53% e le Tim perdono il 2,53%.

Alti e bassi tra i bancari. Ha fatto corsa a sè la Banca Fideuram a +5,16%, ma denaro anche sulle azioni dell’Unicredito a +1,51.

Giu Bnl a -1,56%, uno dei titoli bancari che hanno chiuso su valori simili.

Male gli energetici con le Enel che in finale riducono le perdite, ma chiudono a -1,41%, Le Edison a – 1,96%.

Negli ultimi minuti forti vendite sui titoli Fiat a -6,75% e Finmeccanica che lascia sul campo il 4,3%.

Prese di realizzo anche sul titolo Mediaset a -2,29%.

Nel Nuovo Mercato crollo verticcale per le Opengate a -9,96%, mentre Tiscali perde il 2,13%.