Il nervosismo non risparmia Wall Street, futures in ribasso

17 Maggio 2010, di Redazione Wall Street Italia

A tre ore e mezzo circa dall’inizio della giornata di contrattazioni a Wall Street, i futures sugli indici azionari americani mostrano come il sentiment dei mercati rimanga sotto pressione.

I contratti puntano infatti verso il basso, e tutto lascia pensare al momento che i mercati Usa rischiano di estendere i ribassi dello scorso venerdì.

L’attenzione continua a essere rivolta al futuro dell’euro e alla sopravvivenza di fatto dell’Unione europea. La stessa cancelliera tedesca Angela Merkel, parlando della crisi scatenata dagli elevati debiti non solo della Grecia, ha affermato che la situazione è molto seria.

L’euro continua a essere oggetto di attacchi speculativi ed è arrivato nelle ultime ore a scivolare ai minimi degli ultimi quattro anni. Il panico sul futuro della valuta è ormai tale che, stando a quanto riporta Bloomberg, il premio che i trader ora devono pagare per assicurarsi contro nuovi ribassi della moneta è arrivato a balzare al livello più alto in più di sette anni.

Tutto ciò sta creando una forte incertezza sui mercati, come si evince dall’andamento altalenante dei listini europei.

La propensione al rischio sta tornando a scendere ovunque, complice il crescente scetticismo sulla reale capacità dell’Europa di riuscire a far fronte ai propri problemi e dunque di salvare anche il futuro dell’euro.