IL NASDAQ POTREBBE SFONDARE QUOTA 1800

12 Marzo 2001, di Redazione Wall Street Italia

Il 21 febbraio 2001, abbiamo sostenuto che il Nasdaq Composite mostrava segnali tecnici di ribasso verso quota 2.251 punti e che vi erano minime possibilita’ di tenuta di questo livello di supporto.

Avevamo cosi’ riconfermato i commenti fatti secondo cui il Nasdaq non avrebbe raggiunto il fondo senza prima sfondare al ribasso quota 2.000 punti, piu’ specificamente cadendo in area 1.779. Le nostra previsioni sono tuttora valide.

Il quesito ora e’ se il Nasdaq riuscira’ a tenere il supporto di 1.779 e se l’indice e’ destinato a calare ulteriormente qualora il supporto venga rotto.

Gli investitori sembrano avere la tendenza di attendere, senza preoccuparsi di quanto le loro azioni cadono; e’ quindi difficile per questo mercato capitolare causando un estensione del trend di forte ribasso.

Se il Nasdaq continua a muovere in questa direzione, il prossimo livello di supporto potrebbe essere 1.357 punti.

Poiche’ un valore compreso tra 1.800 e 2.000 punti rappresenta un’area in cui il Nasdaq ha mostrato nel passato una resistenza significativa per puntare verso l’alto, e’ naturale che adesso il Nasdaq testi questo valore.

Attualmente, vi potrebbe essere supporto sul breve termine ai livelli attuali. Tuttavia, l’analisi tecnica indica che su ogni rimbalzo verso l’alto vi saranno sempre piu’ vendite e nuovi investimenti ‘short’.

*Michele Mondiello e’ capo analista tecnico di Wall Street Italia.

Per maggiori informazioni VEDI ANCHE:


Nasdaq: il bilancio a un anno dai massimi