Il guru Faber: i tassi non saliranno mai piu’

4 Giugno 2010, di Redazione Wall Street Italia

Stretta monetaria? Macche’. Le banche centrali non alzeranno nuovamente i tassi di interesse, al massimo torneranno a stampare moneta. Ecco perche’ e’ meglio stare alla larga da liquidita’ e obbligazioni a lunga scadenza. La pensa cosi’ l’autore di “The Gloom, Boom & Doom Report” Mark Faber, gestore noto nel mondo della finanza come uno dei piu’ ultra’, tra i ribassisti a tempo pieno. I listini azionari si manterranno in salute – dice Faver – ma i rischi si celano in un costante deprezzamento valutario. La soluzione per gli investitori: i metalli prezioni, considerati un modo per mettere al riparo i propri quattrini.

Per proteggere il tuo patrimonio, segui INSIDER. Se non sei abbonato, fallo subito: costa solo 0.86 euro al giorno, provalo ora!

Qualche osservazione anche sulla crescita economica. Per Faber gli Stati Uniti, per quanto rappresentino ancora la principale economia mondiale, non stanno crescendo mentre i mercati emergenti continuano (e continueranno) a espandersi. “La gente in genere considera ancora le economie emergenti come i cugini poveri, ma dato che l’80% delle persone nel mondo vive la’, i consumi in termini aggregati sono enormi”, ha osservato il gestore.

Il merito di tanto sviluppo va legato, per Faber, agli sviluppi nell’urbanizzazione di India e Cina. Questo non significa che i mercati azionari siano destinati a salire nel breve periodo ma e’ cosa certa che in Asia nel lungo termine sara’ cosi’.

Gli Stati Uniti vantano pero’ un notevole vantaggio strategico rispetto alla Cina: “l’accesso a riserve di petrolio non solo americano ma anche di quello in Messico, Canada, Medio Oriente e a ovest dell’Africa”. Stando alle indicazioni dell’Energy Information Administration, il petrolio arrivera’ a quota $108 al barile entro il 2020 come conseguenza della ripresa economica e della domanda.