Il Dow recupera i 10000

7 Luglio 2010, di Redazione Wall Street Italia

Rialzi generalizzati intorno al 3% per tutti i settori, banche in testa. Riscatto di oro e petrolio. Euro in tenuta sopra quota $1.26 e rialzo dei rendimenti dei Treasury Usa.

Si inquadra cosi’ la seduta odierna a Wall Street, che termina sui massimi intraday. Tutti i 30 titoli del Dow sono in progresso, capitanati da Ge, Cisco (+5.34%), JpM. Sull’S&P si mette in mostra State Street (+9.9%).

Per quanto riguarda il Dow, per la prima volta dal 28 giugno riesce a recuperare quota 10 mila punti. Ora il bilancio rispetto ai minimi del marzo 2009 e’ di un +50% ma sui massimi di sempre c’e’ una flessione del 30%.

L’indice chiude a 10018, in rialzo del 2.82% (+274.66 punti), il Nasdaq segna un +3.13% a 2159.47 (+65.59 punti). Stesso incremento per l’S&P 500 che archivia la seduta a 1060.26 (massimi del 27 maggio, +32.20), agevolmente sopra la soglia critica dei 1040.

A livello di settori, i finanziari hanno registrato un +4.4%, risorse di base in rialzo del 3.99%, +3.47% per gli industriali, +3.17% per i tecnologici, +3.09% per le utilities.

Sono le indicazioni arrivate da State Street ad aver offerto uno spunto di ottimismo tra gli operatori, che iniziano a guardare alla stagione delle trimestrali che partira’ con Alcoa il prossimo 12 luglio.

Il tutto e’ avvenuto in assenza di dati di rilievo sul fronte societario ed economico. Si segnala solamente l’incremento del 6.7% delle richieste di prestito immobiliare settimanali.

Se vuoi guadagnare anche in fase di ribasso con i titoli e i comparti giusti, segui INSIDER. Se non sei abbonato, fallo subito: costa solo 0.86 euro al giorno, provalo ora!

Intanto sono trapelate le prime indiscrezioni sugli stress test che riguardano le banche europee, protagoniste di una buona seduta di borsa.

Sugli altri mercati, nel comparto energetico le quotazioni del greggio chiudono in progresso. I futures con consegna agosto sono avanzati di $2.47 attestandosi a quota $74.46 al barile (+3.45%). L’oro ha recuperato $4 a quota $1.203 l’oncia. Il cross euro/dollaro si trova a $1.2644 (+0.14%). Quanto ai Treasury, il rendimento sul benchmark decennale si trova al 2.98% dal 2.9320% di ieri.