Il dollaro USA non è più solo: la de-dollarizzazione accelera

di Gianmarco Carriol
24 Aprile 2023 17:59

Il commercio globale ha sempre avuto come sua valuta dominante il dollaro USA, ma sempre più paesi stanno chiedendo di effettuare scambi in altre valute. La quota del dollaro USA nelle riserve valutarie delle banche centrali è scesa dal 70% nel 1999 al 58,36% lo scorso anno.

Il dollaro USA è stato il re del commercio globale per decenni, non solo perché gli Stati Uniti sono la più grande economia del mondo, ma anche perché il prezzo del petrolio, un bene chiave necessario a tutte le economie grandi e piccole, è in biglietto verde. La maggior parte delle materie prime ha anche un prezzo e viene scambiata in dollari USA.

Da quando la Federal Reserve ha intrapreso un percorso di rialzi aggressivi dei tassi per combattere l’inflazione interna, molte banche centrali di tutto il mondo hanno alzato i tassi di interesse per arginare i deflussi di capitali e un forte deprezzamento delle proprie valute.

Chi sono i principali oppositori del dollaro USA

La Cina è uno degli attori più attivi in ​​questa spinta data la sua posizione dominante nel commercio globale in questo momento e come seconda economia mondiale. La Cina è da tempo il secondo maggiore detentore straniero di titoli del Tesoro USA e ha costantemente ridotto le sue disponibilità di titoli del Tesoro USA.

La Cina deteneva quasi 849 miliardi di Treasury statunitensi a febbraio di quest’anno, questo è il valore minimo degli ultimi 12 anni, secondo i dati storici.

Anche altri stati si aggregano alla Cina

Il presidente brasiliano Lula ha effettuato una visita di stato a Pechino ad aprile, dove ha chiesto di ridurre la dipendenza dal dollaro USA per il commercio globale. Il commercio tra Brasile e Cina ha raggiunto i 150 miliardi di dollari nel 2022, un balzo del 10% rispetto a un anno fa.

Durante una recente visita in Cina, il primo ministro malese Anwar Ibrahim avrebbe suggerito di istituire un “Fondo monetario asiatico” per ridurre la dipendenza dal dollaro USA.

Alla riunione dei ministri delle finanze e delle banche centrali dell’ASEAN in Indonesia a marzo  i politici hanno anche discusso l’idea di ridurre la loro dipendenza dal dollaro USA, lo yen giapponesee e l’euro e invece “passare a regolamenti in valute locali”.

Anche i rischi geopolitici hanno accelerato la tendenza all’allontanamento dal dollaro USA. Secondo quanto riferito da Bloomberg , lo yuan ha sostituito il dollaro USA come valuta più scambiata in Russia.

Finora, gli Stati Uniti e i loro alleati occidentali hanno congelato più di 300 miliardi di dollari di riserve di valuta estera della Russia e hanno imposto molteplici round di sanzioni a Mosca e agli oligarchi del paese. Ciò ha costretto la Russia a passare al commercio con altre valute e ad aumentare l’oro nelle sue riserve.

Il dollaro è ancora il re

Nonostante ciò, gli analisti non prevedono una rottura completa dal commercio di petrolio denominato in dollari a breve termine, poiché non ci sono ancora alternative valide. Tuttavia, la tendenza alla de-dollarizzazione può avvantaggiare le economie locali in vari modi, come la possibilità di esportare e importare in valute locali per bilanciare i rischi e avere maggiori certezze sui ricavi e sulle vendite.

Nonostante la lenta erosione della sua egemonia, il dollaro USA rimane ancora la valuta di riserva dominante a livello mondiale, poiché non ci sono alternative valide in grado di usurpare la sua posizione. Semplicemente perché l’euro è un’unione fiscale e monetaria imperfetta, lo yen giapponese ha sfide strutturali in termini di elevati carichi di debito e lo yuan cinese ha ancora restrizioni sui conti correnti e rappresenta solo il 2,5% circa delle riserve totali.

La crescita degli Stati e la spinta alla de-dollarizzazione potrebbero portare a un cambiamento delle dinamiche economiche globali, favorendo una maggiore diversificazione delle valute di riserva. Tuttavia, il sistema di riserva internazionale rimane ancora dominato dalle riserve statunitensi e sarà difficile che il dollaro USA venga sfollato come valuta di riserva nei prossimi 3-5 anni, a meno che non si verifichino cambiamenti significativi.