I prezzi del gas salgono dopo le parole di Putin

21 Settembre 2022, di Gianmarco Carriol

I prezzi del gas britannico e olandese sono aumentati questa mattina a causa dei timori di un nuovo colpo ai mercati finanziari ed energetici globali, dopo che la Russia ha annunciato che sta intensificando la mobilitazione militare nella guerra in Ucraina. Il contratto TTF Olandese, il benchmark europeo, è aumentato di 14,00 euro a 210,00 euro per megawattora (MWh). Il presidente russo Vladimir Putin oggi ha ordinato la prima mobilitazione della Russia dalla seconda guerra mondiale, avvertendo l’Occidente che se avesse continuato quello che ha definito il suo “ricatto nucleare”, Mosca avrebbe risposto con la potenza di tutto il suo vasto arsenale. “Con l’idea che la mobilitazione annunciata, e quindi l’escalation della guerra, dovrebbe comportare maggiori rischi per il complesso finanziario ed energetico, oggi abbiamo una visione rialzista per i prezzi”, hanno affermato gli analisti di Refinitiv.

Nel frattempo, una tempesta tropicale nel Golfo del Messico potrebbe avere un impatto sui terminali di esportazione statunitensi di gas naturale liquefatto (GNL), che quest’anno hanno rappresentato circa il 40% delle importazioni totali di GNL europee, hanno affermato gli analisti di Engie EnergyScan. “I fondamentali a breve termine rimangono sostanzialmente invariati, con temperature al di sotto della media che dovrebbero durare fino alla fine di settembre, compensate dall’aumento della velocità del vento e dalla crescente offerta dalla Norvegia e dai terminali GNL”, hanno aggiunto in una nota. Attualmente è previsto l’arrivo di navi cisterna GNL al terminal in Gran Bretagna e nell’Europa nord-occidentale.

Nel Regno Unito, le temperature scenderanno al di sotto della norma la prossima settimana da un clima leggermente più mite del normale: ciò comporterà un aumento di domanda di gas per il riscaldamento.

Rischio default per i piccoli fornitori di gas italiani

Dal prossimo primo ottobre milioni di famiglie potrebbero rimanere senza gas a causa della situazione di grave crisi energetica in cui versano piccole e medie società fornitrici e della carenza di risorse nel nostro paese. Lo denuncia oggi Assoutenti, che attacca la scarsa trasparenza da parte del Governo e l’assenza di misure per contrastare un allarme lanciato già mesi fa dagli operatori del settore.

“Il 1 ottobre inizierà il nuovo anno termico, e in questi giorni stanno scadendo tutti i contratti siglati dai rivenditori al dettaglio che acquistano gas da grandi società come Eni o Edison“, spiega il presidente Furio Truzzi. “Numerosi operatori, tuttavia, si sono visti rifiutare il rinnovo dei contratti, mentre chi è riuscito a rinegoziare le forniture si è visto ridurre sensibilmente i volumi di gas a disposizione, e ha dovuto accettare condizioni molto onerose che potrebbero presto risultare insostenibili”, afferma Truzzi. “Questo a causa della carenza di risorse di gas nel nostro paese, considerato che mancano ancora all’appello circa 15 miliardi di metri cubi di gas necessari a coprire il fabbisogno nazionale nel periodo invernale”. La situazione è davvero preoccupante, secondo Truzzi, e stando alle stime saranno circa 100 le società a rischiare il default.