I futures Usa limitano le perdite

24 Maggio 2010, di Redazione Wall Street Italia

A mezz’ora dall’avvio delle contrattazioni i futures Usa viaggiano in territorio negativo, (vedi quotazioni a fondo pagina), il che lascia prevedere un altro avvio in rosso per Wall Street. Il tutto avviene dopo un’ottava che ha visto il Dow Jones perdere il 4%, il Nasdaq il 5% e l’S&P il 4.2%.

La cautela e’ dettata ancora una volta dalla convinzione, sempre piu’ diffusa, che la crisi del debito in Europa possa continuare facendo sentire i suoi effetti negativi anche al di la’ dell’oceano. Per questo, Wall Street, almeno al momento, propende per l’attendismo, dopo la seduta dello scorso venerdì, quando gli indici azionari americani erano riusciti a chiudere all’insegna degli acquisti. L’S&P 500 tuttavia risulta ancora in calo dell’11% dai massimi di aprile. Non aiuta nemmeno l’andamento delle borse europee, con Milano che cede quasi il 3% (la perdita’ e pero’ in parte legata allo stacco dividendi) mentre Madrid lascia sul terreno circa il 2%.

La tensione che domina ovunque si spiega anche con le notizie che arrivano dai mercati del credito , che al momento non promettono nulla di buono. Anche se non mancano i bullish. Stando a un’indagine condotta da The National Association for Business Economics nel 2010 gli States dovrebbero registrare una crescita del 3.2% del Pil, su rispetto al +3.1% previsto a febbraio.

Per proteggere il tuo patrimonio, segui INSIDER. Se non sei abbonato, fallo subito: costa solo 0.86 euro al giorno, provalo ora!

Sul fronte macroeconomico, i fari sono puntati sulle vendite di case esistenti nel mese di aprile. Il dato verra’ pubblicato alle 16:00 ora italiana. Attenzione anche alle parole arrivate dalla sessione di apertura del vertice bilaterale Usa-Cina. Pechino il segretario al Tesoro Timothy Geithner ha detto che la Cina dovrebbe permettere una libera fluttuazione del tasso di cambio. Immediata la risposta del presidente cinese Hu Jintao: la riforma del tasso di cambio va avanti, ma ancora non c’e’ una specifica tabella di marcia.

Da Usa e Cina arrivano interpretazioni contrastanti sulla situazione europea: le difficolta’ sul fronte del debito sovrano Ue secondo gli States avranno un impatto minimo sulla crescita mondiale mentre per la Cina si fara’ sentire sulla domanda dei suoi prodotti d’esportazione tanto che anche altre regioni soffriranno.

Tra i titoli in evidenza nel pre-mercato, balzo di Sprint Nextel dopo che la rivista Barron’s ha detto di sostenere che il titolo possa passare dagli attuali $4.60 a $6. Il merito: l’introduzione di un telefonino che opera su network ad alta velocita’. stesso target price per Goldman Sachs, che lo ha rivisto dal precedente $3.50.

Ibm sborsera’ $1.4 miliardi oer comprare da AT&T Sterling Commerce. Campbell Soup ha registrato un calo degli utili trimestrali ma in termini adjusted, la cifra e’ superiore alle stime. BP intanto ha fatto sapere che dall’inizio della crisi nel Golfo del Messico ha speso $760 milioni per tentare di fermare la marea nera.

Sugli altri mercati, nel comparto energetico le quotazioni del greggio invertono rotta. I futures con consegna luglio segnano un rialzo di $0.20 attestandosi a quota $70.24 al barile (+0.29%). Sul valutario la moneta unica si attesta a $1.2380 (-1.52%). L’oro guadagna $13.70 attestandosi a $1.1189.50. Quanto ai Treasury, il rendimento sul benchmark decennale si trova al 3.19% dal 3.200% di venerdi’..

Alle 15:00 (le 9:00 ora di New York) il contratto future sull’indice S&P500 cede 8.20 punti (-0.76%) a quota 1076.40.

Il contratto sull’indice Nasdaq 100 segna una flessione di 9.25 punti (-0.51%) a quota 1810.

Il contratto sull’indice Dow Jones scambia in calo di 58 punti (-0.57%) a quota 10102.