I FUTURE PUNTANO AD UN’APERTURA DEBOLE

20 Giugno 2002, di Redazione Wall Street Italia

Pubblichiamo le indicazioni e i grafici relativi alla fase di pre-apertura dei mercati azionari americani in base all’analisi dei future trattati sul circuito elettronico Globex.
































Indici e future 20 Giugno 2002
Indici Closing cash Settlement price Fair Value premium
S&P500 1.019,99 1.020,30 +0,70
DJIA 9.561,57 9.560,00 +2,70
Nasdaq100 1.097,54 1.103,00 -0,20
Fonte dati: Ufficio Studi
WallStreetItalia

Alle 08.50 E.T. i segnali provenienti dai future sono negativi, tutti i contratti sono sotto il Fair Value. Dow a -25,00 punti, S&P a -1,10 e Nasdaq100 a -5,00

I dati attesi sulla bilancia commerciale e sui sussidi alla disoccupazione non hanno aiutato a migliorare i segnali di pre apertura. Mentre il primo mostra una tendenza ad allargare il deficit, difficilmente sostenibile in futuro, il secondo ha mancato, seppur di poco, le aspettative degli analisti.

Il grafico disegnato nella sessione di ieri suggerisce che il declino cominciato dai massimi successivi alle notizie su Oracle, non sia ancora terminato.

Il dato sul deficit commerciale risultato in rialzo alla cifra record di $35,94 miliardi ha indebolito ulteriormente il dollaro che ha sorpassato la soglia di $0,96 contro l’euro.

Una crescita debole, una spesa elevata e una raccolta fiscale inferiore agli anni passati contribuiscono a dirottare gli investimenti in asset denominati in altre valute dal dollaro.

La nostra analisi indica un livello tra $0,9605 e $0,9710 prima di toccare un massimo significativo da cui partire per una correzione.

Il biglietto verde e’ comunque a meno dell’1% dal target, il prezzo dell’oro relativamente poco mosso nonostante le tensioni dal Medioriente. La nostra anlisi indica che dopo una prevedibile debolezza degli indici in mattinata dovremmo assistere ad un recupero e forse ad una rottura dei massimi di martedi’.

Solo una violazione dei minimi di venerdi’ potrebbe neutralizzare la prospettiva positiva di breve periodo.

Naturalmente va ricordato che domani e’ il giorno delle tre streghe, la sessione in cui scadono i future , le opzioni e le opzioni sugli indici. I movimenti sui mercati azionari a partire dall apertura di giovedi’ fino alla scadenza di venerdi’ saranno influenzati da questa importante scadenza.

Tra gli elementi che potrebbero influenzare la giornata di oggi:

  • alle 08.30 e’ atteso un discorso del Presidente della FED Greenspan presso la sede di Chicago
  • alle 08.30 sono attesi i dati sulla bilancia commerciale (-$35,94 miliardi)
  • alle 10.00 verranno pubblicati i leading indicator
  • Infine nel pomeriggio sono attesi i dati sul Philly Fed

www.2Mstrategies.com
Michael Paulenoff e’ uno dei fondatori di 2Mstrategies