I FUTURE PROVANO A SALIRE PRIMA DEI DATI

25 Settembre 2003, di Redazione Wall Street Italia

A due ore dall’inizio delle contrattazioni, i future sugli indici americani sono in moderato rialzo.

Sul fronte macroeconomico, dopo due giorni di silenzio arrivano una serie di dati interessanti. Oltre ai numeri sulle richieste di sussidi alla disoccupazione, prima dell’apertura saranno comunicati i dati sulle vendite dei beni durevoli del il mese di agosto. A borsa aperta arriveranno i report sulle vendite di case nuove ed esistenti.

Assorbito il colpo per il calo del dollaro, il mercato dovrebbe concentrare l’attenzione sul mercato del lavoro che rimane il grande assente nel panorama della ripresa economica. Eventuali sorprese positive dovrebbero avere un impatto negativo sul comparto dei bond, accorciando il tempo atteso per un prossimo rialzo dei tassi d’interesse.

Alle 13:30 (le 7:30 ora di New York) il contratto future sull’indice S&P 500 guadagna 2.30 punti (+0,23%), a 1009,60 punti.

Il contratto sull’indice Nasdaq 100 e’ in rialzo di 5,00 punti (+0,37%) a 1.342,50 punti.

Il contratto sull’indice Dow Jones sale di 22 punti (+0,23%) a 9.415 punti.

Sul mercato obbligazionario, l’ultima emissione del titolo del Tesoro USA a 10 anni fa registrare rendimenti al 4,14%.

Verificare le quotazioni dei titoli in movimento nel preborsa aggiornate in tempo reale cliccando BOOK USA