I crolli di mercato? Sono un’opportunità per gli investitori. Ecco perchè

25 Agosto 2022, di Alessandra Caparello

I mercati sono in subbuglio tra la corsa dei prezzi dell’energia, l’aumento dell’inflazione e le politiche restrittive delle banche centrali: un mix di fattori che aumenta i rischi di recessione. Ma c’è chi in questo contesto vede una speranza. Il rischio crescente di un “grave incidente finanziario”, che provochi un crollo del mercato nel corso dell’anno, potrebbe altresì aprire opportunità per gli investitori. Ne è convinto Beat Wittman, presidente e partner di Porta Advisors, boutique di consulenza con sede a Zurigo.

Come riporta l’emittente Cnbc, Wittman sostiene che, fino a quando le banche centrali non sono state costrette ad avviare una stretta quest’anno, la politica monetaria e le condizioni di liquidità sono state “troppo allentate per troppo tempo” e i responsabili politici, guidati dalla Federal Reserve statunitense, stanno ora cercando di recuperare la credibilità perduta. Così secondo Wittman, il crescente rischio di un “grave incidente finanziario” che provochi un crollo del mercato nel corso dell’anno potrebbe aprire agli investitori l’opportunità di “accumulare asset rischiosi di qualità“.

Con i rischi di inflazione e di rallentamento dell’economia in aumento e con le banche centrali che si muovono su un sentiero di politica monetaria sempre più stretto, Wittman ha descritto l’economia globale come “bloccata in una tempesta perfetta di frizioni della catena di approvvigionamento, contrazione della domanda finale, inflazione elevata, aumento dei tassi di interesse, calo degli utili aziendali e un potenziale incidente finanziario”.

Secondo l’esperto, c’è il rischio che un “anello debole” del sistema finanziario si rompa e che gli investitori fuggano in massa, offrendo un fondo in cui possano investire gli investitori più accorti.

Gli “anelli deboli” del mercato

“L’elenco dei candidati all’anello debole è piuttosto lungo e comprende le banche universali europee di tipo zombie, le società finanziate da LBO (leveraged buyout), gli operatori del sistema bancario ombra con un eccesso di leva finanziaria e gli Stati sovrani dei mercati emergenti sovraindebitati”, ha affermato l’esperto in una nota di ricerca.

“Non dobbiamo sottovalutare il fatto che i tassi d’interesse sono aumentati in modo significativo negli ultimi 6-9 mesi e che l’aumento dei tassi d’interesse si sta ripercuotendo sul sistema economico e sulla fiducia delle imprese, dei consumatori e di tutti coloro che hanno un’esposizione con leva finanziaria a questi tassi d’interesse e non hanno sufficienti entrate, o semplicemente un cuscinetto in termini di liquidità o riserve”, ha dichiarato lunedì scorso al programma di Cncb “Squawk Box Europe”.

Le banche centrali di tutto il mondo, con alcune eccezioni degne di nota come la Cina e il Giappone, hanno inasprito la politica monetaria in modo aggressivo negli ultimi mesi, nella speranza di frenare l’inflazione in crescita, causata in parte dalla guerra della Russia in Ucraina e dall’impennata dei prezzi di cibo ed energia.

Wittman ha sostenuto che, fino a quando le banche centrali non sono state costrette ad avviare una stretta quest’anno, la politica monetaria e le condizioni di liquidità sono state “troppo allentate per troppo tempo” e i responsabili politici, guidati dalla Federal Reserve statunitense, stanno ora cercando di recuperare la credibilità perduta.

“L’inasprimento avrà effetti negativi ritardati e prolungati sull’economia. Tuttavia, la normalizzazione della politica monetaria e dei tassi d’interesse è uno sviluppo necessario e gradito nel lungo periodo”, ha dichiarato Wittman, secondo cui più le banche centrali parlano e agiscono con durezza sull’inflazione, più le prospettive per i titoli azionari saranno rialziste nel medio termine, ma nel breve periodo settembre e ottobre saranno un “periodo di prova“, in quanto il rally di sollievo dell’ultimo mese si affievolirà.

L’esperto infine ha inoltre sottolineato le forti divergenze geografiche tra gli Stati Uniti e l’Europa, con i primi più autonomi dal punto di vista energetico e molto più isolati dai rischi di importazione ed esportazione legati alla guerra in Ucraina, mentre la Fed è in prima linea nella politica monetaria.

“Guardando al 2023, il mercato azionario statunitense è meglio posizionato dal punto di vista geopolitico, della sicurezza energetica, della resilienza economica e della leadership della politica monetaria. È importante notare che i periodi di dislocazione e di sofferenza emotiva, intellettuale e finanziaria sono il terreno di coltura ideale per straordinarie opportunità di investimento e imprenditoriali“.