HIGH TECH: TITOLI DA TENERE D’OCCHIO E IPO

6 Marzo 2000, di Redazione Wall Street Italia

Ecco alcuni titoli ”caldi” del settore high-tech da tenere d’occhio lunedi’:

Value America (VUSA), il commerciante di prodotti tecnologici su Internet ha annunciato un accordo con Digital River per la vendita di software online. Venerdi’ il titolo e’ aumentato dell’oltre il 30% nel dopo borsa.

Vodafone Airtouch (VOD), il gigante della telefonia wireless potrebbe incassare sulla storia positiva di Barron’s riguardante il possibile acquisto di Mannesmann.

Qwest Communications (Q), il provider di servizi telefonici a lunga distanza, sarebbe in trattative per acquistare una partecipazione in Next Level Communications (NXTV).

I titoli legati ai chip potrebbero benefiicare della conferenza sui semiconduttori organizzata da Morgan Stanley. Oggi sara’ presentata Intel Corp. (INTC).

The Street.com (TSCM) e’ un candidato per la possibile fusione con Marketwatch.com (MKTW). The Street e’ cresciuta venerdi’ del 12,8% a 13 e 1/4.

Socrates Tech.(SOCT) e’ cresciuta del 38,5% a 4 dollari e 5/32 dopo un incontro con vari gestori di fondi.

Ed ora gli IPO della settimana:

Mark Basham, analista di S&P Equity Group ha confermato l’enorme richiesta per Ipo e ha sottolineato come le societa’ piu’ richieste siano quelle tecnologiche o di servizi che favoriscano l’utilizzo dell’Internet da parte delle aziende.

Anche questa settimana ci si aspetta un gruppo interessante di Ipo che comprendera’:

Crayfish Inc. (CRFH), un provider di servizi di posta elettronica a societa’ giapponesi che dovrebbe offrire 4,35 milioni di titoli ad un prezzo compreso tra 22 e 24 dollari;

iPrint.com (IPRT) che offre servizi tipografici online alle aziende e che mettera’ sul mercato 4,5 milioni di azioni tra 8 e 10 dollari attraverso Credit Suisse First Boston;

HomeGrocer.com (HOMG), il commerciante online che offrira’ 22 milioni di titoli ad un prezzo di 10-12 dollari;

Net2000 Communications (NTKK), provider di servizi di telecomunicazione broadband potrebbe lanciare un’Ipo di 10 milioni di azioni valutate tra 13 e 15 dollari;

GT Group Telecom che opera un network di telecomunicazione per societa’ canadesi vendera’ 16 milioni di titoli attraverso Goldman Sach a 10-12 dollari;

e Orapharma Inc., una societa’ di prodotti farmaceutici per l’igiene orale mettera’ sul mercato 4 milioni di azioni al prezzo di 15-17 dollari.

Venerdi’ scorso si sono immatricolate cinque societa’ e il loro titolo e’ aumentato di almeno il 100% rispetto al prezzo iniziale. La Ipo piu’ calda e’ stata quella di AsiaInfo Holdings (ASIA), provider di software per Internet. Il prezzo iniziale era di 24 dollari ad azione ed ha chiuso a 99,56 dollari, un aumento del 315%.