Hedge funds: tonfo -5% nel 2011, scommesse rialziste ai minimi

10 Gennaio 2012, di Redazione Wall Street Italia

New York – Il rally registrato dall’azionario nell’ultimo periodo ha fatto poco per stimolare l’appetito degli hedge funds. L’indice stilato dalla International Strategy & Investment Group, che misura la proporzione delle puntate rialziste, è passato appena a 44,5 la scorsa settimana (non lontano dai minimi 2009), da 43,9 di fine 2011. Rispetto al prezzo dell’indice S&P500, l’esposizione netta si trova così ancora prossima ai minimi dal giugno 2008.

Puntate toro sull’azionario in calo da febbraio 2011, quando l’indice toccò 54,2. Colpito dal rischio rappresentato dalla crisi europea e in generale dai timori circa la crescita economica globale, l’indice non sembra essersi ancora ripreso. Non è bastato il rally del 17% iniziato a ottobre. Gli speculatori continuano a rimanere orsi.

Penalizzati dalla forte volatilità del mercato, questi fondi speculativi, che operano in investimenti singolarmente ad alto rischio, con possibilità di ottimi ritorni o forti perdite, hanno chiuso il 2011 con in media -4,9%, secondo l’indice aggregato stilato da Bloomberg (grafico).

L’azionario globale, utilizzando come riferimento l’indice MSCI All-Country World Index, ha portato a perdite del 9,4% nel 2011, mentre i titoli a reddito fisso hanno garantito un discreto +5,89%.