HACKERS: IL GOVERNO AMERICANO NON SA CHI SONO

9 Febbraio 2000, di Redazione Wall Street Italia

Il ministro della giustizia Janet Reno ha affermato a Washington che e’ in corso un attacco coordinato da parte di cyber-terroristi, che ha come obbiettivo mettere in ginocchio i maggiori siti internet degli Stati Uniti.

All’annuncio erano presenti il Computer Emergency Response Team, gli uomini del servizio speciale Information Security, e le divisioni della National Infrastructure Protection Center dell’ Fbi.

Il ministro della Giustizia Reno ha confermato che gli attacchi in corso possono provocare danni e distruzioni di vasta portata, sia sulle attivita’ commerciali delle aziendi presenti con loro siti su internet, sia contro strutture del governo americano che potrebbero minare la sicurezza nazionale degli Stati Uniti.

Il governo Usa, nelle parole del massimo rappresentante delle forze dell’ordine, il ministro dell Giustizia, ha ammesso che non conosce l’identita’ degli individui che stanno portando l’attacco al cuore dell’internet. Non si conoscono le identita’ ne’ i motivi. Il governo americano non sa nemmeno se i gruppi di hackers siano americani o stranieri.

Al momento, secondo un portavoce dell’Fbi, non vi sono state rivendicazioni di sorta, da nessuna parte.

”Gli attacchi dei cyber-terroristi contro alcuni dei piu’ popolari siti commerciali internet degli Stati Uniti hanno costretto milioni di utilizzatori a non poter accedere alle web page di Yahoo!, Buy.com e E-Bay, solo per dirne alcuni”, ha detto Janer Reno.

”Noi non sappiamo quali siano i motivi dietro questi attacchi” ha detto la Reno. ”Ma sono rivolti a interferire per distruggere siti di commercio ellettronico. E questa e’ la ragione per cui l’Fbi ha dato il via all’indagine criminale” ha proseguito il ministro.

In modo piu’ specifico – ha spiegato il ministro della Giustizia – fanno parte delle investigazioni uomini della National Infrastructure Protection Center, che lavorano gomito a gomito con gli agenti ”sul campo” del Federal Bureau of Investigation in tutti gli Stati Uniti, per individuare i terroristi.

Janet Reno ha annunciato ”la richiesta” di ulteriori 37 milioni di dollari (74 miliardi di lire) per combattere la criminalita’ via computer e ”per proteggere le infrastrutture degli Stati Uniti”.