Guerra dazi, DWS e FMI danno la colpa ai dati equivoci

9 Luglio 2018, di Redazione Wall Street Italia

Nel recente dibattito sul conflitto commercialle globale, gli Stati Uniti sono sembrati piuttosto isolati. Tuttavia, potrebbero contare su alcuni potenti alleati. E non stiamo parlando di Mosca. A livello di commercio globale, la Russia è piuttosto piccola, quando si parla di transazioni delle partite correnti.

Le partite correnti sono costituite dalle esportazioni meno le importazioni di beni e servizi, oltre al reddito netto da investimenti, nonché altri trasferimenti, come le rimesse dei lavoratori. Le esportazioni di un paese sono le importazioni di un altro paese. Quindi, per il mondo intero, ci si aspetterebbe che i saldi delle partite correnti si annullino a vicenda. Stranamente, questo si è raramente verificato, come mostra il “grafico della settimana” di DWS.

Fino a poco tempo fa, a livello globale si sono registrati disavanzi nelle partite correnti. Dal 2005, si sono trasformati in surplus. Secondo le stime del Fondo Monetario Internazionale (FMI), l’ultimo surplus mondiale ammontava a circa 370 miliardi di dollari, pari a quasi lo 0,5% del prodotto interno lordo (PIL) globale. Più del doppio rispetto al surplus delle partite correnti della Cina e superiore a quello della Germania.

Cosa sta succedendo? La maggior parte degli esperti, incluso il FMI, dà la colpa agli errori di misurazione. Le statistiche sugli scambi commerciali sono un esercizio impreciso. La crescita delle transazioni intra-aziendali e le catene di approvvigionamento complesse transfrontaliere potrebbero aver reso il commercio ancora più difficile da tracciare. Una soluzione ovvia al problema sarebbe quella di migliorare la raccolta dei dati. ”

Statistiche equivoche portano a errori politici: i governi dovrebbero ripulire i dati”.

L’Economist ha dichiarato qualche tempo fa in un pezzo che esamina il saldo delle partite correnti mondiale. Certamente, lo stesso tipo di esperti potrebbe anche dire di non preoccuparti troppo dei deficit delle partite correnti, figuriamoci di aumentare i deficit commerciali tra due paesi.

“Quasi tutti hanno un grande disavanzo commerciale con il proprio negozio di alimentari – acquistando partite da loro senza vendere qualcosa in cambio – e un enorme surplus con il loro datore di lavoro – a chi vendono i propri servizi di manodopera e di solito non acquistano nulla in cambio“, hanno sottolineato gli analisti di DWS di nuovo a marzo.

Un approccio meno convenzionale sarebbe quello di accreditare alieni provenienti dallo spazio con un deficit delle partite correnti corrispondente al surplus del nostro pianeta. Forse questi alieni sarebbero ugualmente critici nei confronti del deficit commerciale.

Grazie alle meraviglie delle comunicazioni moderne, ora potrebbero sapere dove cercare alleati sul pianeta terra nella loro ricerca contro quei “colpevoli” del surplus commerciale e quello delle partite correnti.

Dws, grafico della settimana su guerra dazi