Grillo si paragona a Napoleone: inciucio, con “Passera nuovo premier” tecnico

4 Marzo 2013, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI) – “Non più solo un giullare”, titola oggi il New York Times su Bebbe Grillo che nell’articolo viene definito il “pungolo” della politica italiana. Per il quotidiano il portavoce del MoVimento 5 Stelle “ora ha nelle sue mani il destino dell’Italia e, in certa misura, dell’intera Europa”. Il tutto mentre all’hotel Universo di Roma va in scena la riunione dei 163 neoeletti deputati e senatori della “rivoluzione a 5 Stelle”, per decidere la strategia parlamentare da attuare. Presenti anche i due fondatori del MoVimento, Grillo e il guru della comunicazione Gianroberto Casaleggio.

Tra i punti cardine dell’agenda: obiettivi legislativi piu’ urgenti entro maggio, nessuna alleanza e la rinegoziazione degli accordi con l’Europa. (SEGUI DIRETTA IN STREAMING, piu’ sotto). Sono intervenuti Roberta Lombardi, capo gruppo alla Camera e il capo gruppo al Senato, Vito Crimi, che ha ribadito che non verra’ concessa nessuna fiducia a un governo “dei partiti”, che sia Pd o PdL. “Noi siamo pronti a fare il nostro dovere. Il parlamento è l’ordine centrale, dobbiamo togliere la sudditanza del parlamento al governo, come è stato finora, e ridare al Parlamento il ruolo di organo principale della Repubblica italiana”, ha dichiarato Crimi. Lombardi, 39 anni, ha invece sottolineato sottolineato che “ogni cittadino è leader di se stesso” ed è per questo che si definisce “capogruppo pro tempore”.

Parlando al quotidiano americano dalla sua villa al mare, Grillo sostiene che per lui “sarebbe inammissibile” garantire la stabilità di un qualsiasi governo italiano. “Sarebbe come se Napoleone avesse fatto un patto con Wellington” (e lo dice indossando una t-shirt con l’immagine del mahatma Gandhi).

Nell’intervista al quotidiano Usa Grillo spiega che il suo obbiettivo è sbarazzarsi di un sistema che “ha disintegrato il paese” e costruire “qualcosa di nuovo” . “Se vogliamo cambiare ogni cosa e dare il potere il mano alle persone per bene bisogna che la classe politica sia mandata a casa immediatamente”.

In un’altra intervista, pubblicata oggi sul sito di Wired Italia, il genovese dice che “Destra e sinistra erano già alleati prima con Monti e lo saranno ancora con un altro presidente del consiglio: Corrado Passera“. Grillo, a dispetto del referendum online proposto sull’euro, dice a Wired di essere “a favore di un’Europa unita, ma che sia moderna, che parli la stessa lingua e non undici differenti come accade al parlamento europeo”. Il comico genovese parla anche di un’Europa che “non può essere fondata su parole come spread e obbligazioni, ma su temi comuni. Un`Europa che abbia anche un fisco unificato”.

Il portavoce del Movimento 5 Stelle cerca anche di tranquillizzare i mercati e gli investitori stranieri sulla possibile ingovernabilità dell’Italia: “Il Movimento porterà un`ondata di legalità e rispetto per la legge che farà bene all’Italia. Tutti gli imprenditori stranieri, francesi come tedeschi, saranno i benvenuti e potranno investire potendosi finalmente sentire più tutelati e garantiti”.

Infine, un giudizio severo su Monti: “Ha toccato i risparmi di famiglie che ora non possono andare avanti perché non hanno soldi. Come può essere questo il bene dell’Italia e, quindi, anche il bene dell’Europa? Io sono a favore che l’Italia si ricompri il proprio debito estero da paesi come Francia e Germania e negozi nuovamente il tasso d’interesse. In realtà l’Italia è già fallita. Fra un anno non avremo i soldi per pagare le pensioni e gli stipendi dei dipendenti pubblici. C’è poco da salvare”.

Quanto invece alle polemiche sull’articolo 67 della Costituzione che libera dal vincolo di mandato i parlamentari, due neoeletti del MoVimento, Laura Bottini e Massimo Artini, hanno risposto a una domanda sulle finalità della prima riunione nazionale apertasi ieri presso l’hotel romano. “La linea politica? La discuteremo in Parlamento“.
[ARTICLEIMAGE]
Interrogati dai cronisti di fronte all’hotel Saint John, punto di raduno degli eletti del Movimento 5 Stelle hanno spiegato che “Questa non è una riunione operativa ma serve solo per conoscerci”. Alla domanda se attendono per oggi l’arrivo del leader del Movimento Beppe Grillo e del suo principale collaboratore Gianroberto Casaleggio, i due parlamentari hanno replicato: “Non lo sappiamo”.

Grillo, notizia dell’ultima ora, si e’ recato a Genova per un lutto familiare – e’ morto il suocero – ma nel pomeriggo e’ atteso anche lui a Roma. (TMNews)