Grillo sbatte la porta in faccia a Bersani, la base insorge

28 Febbraio 2013, di Redazione Wall Street Italia

ROMA (WSI)- Sbattere la porta in faccia a Pier Luigi Bersani e al Pd, continuare ad arroccarsi nelle proprie posizioni in un momento in cui l’Italia viene chiamata dal mondo intero a fare un governo stabile, conviene davvero a Beppe Grillo e alla stessa unità del Movimento 5 Stelle? Se si tornasse al voto – soluzione sempre più probabile – tutti coloro che hanno votato Grillo lo voterebbero sempre e comunque o il suo rifiuto di formare un’alleanza M5S-Pd alla fine avrebbe un effetto boomerang?

Domande legittime, se si considera che nel blog di Grillo non tutti hanno apprezzato il modo in cui il leader genovese ha risposto alla proposta avanzata da Bersani: “Il M5S non dara’ alcun voto di fiducia al Pd. Che aggiunge poi dichiarazioni a dir poco colorite. “Bersani, morto che parla”, uno “smacchiatore fallito”, uno che ha “l’arroganza” di chiedere il sostegno del movimento, ma e’ soltanto uno “stalker politico” che da giorni “importuna” il M5S con “proposte indecenti invece di dimettersi”.

Immediata la replica di Bersani: “Quel che Grillo ha da dirmi, insulti compresi, lo voglio sentire in Parlamento. E li’ ciascuno si assumera’ le proprie responsabilita”‘, contrattacca il segretario, con il chiaro intento di mostrare agli elettori di M5S il vero volto dell’ex comico, dimostrando loro che sa dire solo ‘no’. Una linea concordata a pranzo con Vendola: “Niente governissimo, e spero che non sia questo l’auspicio di Grillo”, scandisce il leader di Sel. La tattica riesce, almeno in parte.

Intanto sul blog di Grillo monta la protesta di quanti criticano lo schiaffo del leader. Alle 8 circa ora italia, sono più di 12.000 i commenti. Grillo ammorbisce così i toni, e conferma su Twitter la propria disponibilità a votare alcuni provvedimenti.

QUALCHE COMMENTO SUL BLOG DI GRILLO

Aldo B. scrive commentando l’articolo di Beppe Grillo: “Credo sia opportuno un accordo con il PD è l’unico modo per iniziare a cambiare le cose in questo paese in fondo la fiducia si può dare e poi eventualmente togliere se le cose non vanno come dovrebbero, ricordatevi che non siamo in un video gioco di quelli che si vince uccidendo più nemici possibile, non mi sono mai piaciute le guerre dove non si fanno prigionieri, ascoltiamo quello che dice Dario Fo persona veramente eccezionale in merito ai pseudo infiltrati del PD poco importa chi dice le cose, importante è quello che si dice.

Gianni Tommo: Chiunque, nessuno escluso, abbia la possibilitá di cambiare qualcosa in questo paese e non ci prova nemmeno é come quello che per far dispetto alla moglie fredifraga se lo taglió… É una gran soddisfazione peró dopo rimane senza moglie e senza….. Mah… Fate voi…

Beppe Schembari: Gli interessi del paese vengono prima di ogni cosa. Anche perché governare sulle macerie di un paese non conviene a nessuno! Abbiamo la grande occasione di far fare al PD quello che vogliamo, non sprechiamola nel nome degli assolutismi del “o-tutto-o-niente”. Lasciamo perdere i toni della campagna elettorale e puntiamo a far pagare a Bersani un prezzo altissimo, ma non chiudiamogli la porta in faccia per regalare il paese al caos.

Diego Verolino: Ciao Beppe, in considerazione che uno dei principi del movimento che sostengo e che ho votato alle elezioni è che “ognuno vale uno”, ti prego di prendere in considerazione anche la mia proposta: capisco che l’obiettivo delle tue ultime dichiarazioni di “chiusura” nei confronti del PD siano dettate dalla volontà di far comprendere agli italiani che pur di governare, PD e PDL arrivino ad unirsi, ma a mio avviso sarebbe di maggiore utilità al movimento stesso e all’ Italia far nascere un governo PD-M5S sui punti cardine del nostro movimento; in tal modo daremmo un segnale positivo ai mercati ( ogni “infuocata” di spread costa all’ Italia molto piu’ di quanto si otterrebbe con i nostri sperati risparmi del costo della politica” ) e avremmo l’occasione di rinnovare finalmente il nostro Paese. Se tale ipotesi non ti aggrada, perché non fare un sondaggio on line tra gli iscritti al movimento ove democraticamente si chieda se si vuole dar vita ad un governo PD-M5S ovvero no?

VIDEO BELLE GRILLO

VIDEO BILL EMMOTT, EX DIRETTORE ECONOMIST E COAUTORE DEL DOCUMENTARIO “GIRLFRIEND IN A COMA”

VIDEO BERLUSCONI