Grecia: a quattro anni dall’addio alla Troika, torna l’incubo recessione

24 Giugno 2022, di Alessandra Caparello

A soli quattro anni dall’uscita dal piano di salvataggio lacrime e sangue imposti dai creditori internazionali, la Grecia ripiomba nell’incubo della recessione.

I greci sono ancora una volta molto preoccupati per le prospettive economiche del loro Paese. Questo avviene mentre Atene – come molti Stati membri dell’Ue – è attanagliato dall’impennata dei costi dei generi alimentari e del carburante, una tendenza che è stata esacerbata dalla crisi ucraina, che si protrando ormai da mesi. La Grecia ha superato tre successivi programmi di salvataggio dopo la crisi finanziaria che sono stati subordinati a una serie di riforme e ad anni di misure di austerity.

La Grecia è più sicura, ma non è al sicuro. Penso che la Grecia sia più stabile di quanto non fosse in passato. Credo e spero che i giorni finanziariamente bui del passato non torneranno”, ha detto Michalis Galenianos, residente ad Atene, alla Cnbc quando gli è stato chiesto della prospettiva di una recessione.

Dalla Troika al Covid: la Grecia torna sotto i riflettori

La Grecia ha superato tre successivi programmi di salvataggio dopo la crisi finanziaria che, in modo controverso, dipendevano da una serie di riforme e da anni di misure di austerità. L’economia greca ha poi registrato un’espansione dell’1,6% nel 2018 e dell’1,9% nel 2019. Tuttavia, come il resto del mondo, ha subito una battuta d’arresto economica nel 2020 e nel 2021 a causa della pandemia di coronavirus e ora sta affrontando nuove pressioni economiche con uno dei più alti tassi di inflazione in Europa.

Una stima dell’ufficio statistico europeo ha indicato che l’inflazione globale della Grecia è stata del 10,7% a maggio, in aumento rispetto al 9,1% di aprile.

Secondo un’inchiesta della testata greca eKathimerini, gli affitti in tutta la Grecia sono aumentati del 5% tra l’autunno del 2020 e l’autunno del 2021, ma in alcune zone di Atene sono saliti addirittura del 17%.  Nel frattempo, i prezzi del gas per autotrazione e i costi della benzina sono superiori alla media dell’Ue, secondo un rapporto della Commissione europea pubblicato il 13 giugno. Il governo del Paese ha fissato un tetto massimo per i prezzi dell’elettricità all’ingrosso, nel tentativo di aiutare sia i consumatori che l’industria a far fronte ai costi elevati.

Quali misure di sostegno?

Gli analisti, tuttavia, non hanno ancora lanciato l’allarme per la Grecia.  Jonas Floriani, analista del gruppo Axia Ventures, ha affermato che la Grecia dispone di un elevato livello di risparmio che tornerà utile se la situazione economica dovesse peggiorare. Allo stesso tempo, le banche greche sono in una posizione molto più forte rispetto alla crisi finanziaria globale, ha detto Floriani, e Atene sta ricevendo la maggior parte dei fondi europei per la ripresa, che contribuiranno agli investimenti pubblici.  E potrebbero arrivare altre misure di sostegno.

“Mentre in Grecia si parla di elezioni anticipate, il governo dovrebbe annunciare ulteriori misure a favore degli elettori nel tentativo di contrastare l’impatto della crisi del costo della vita. Atene ha lanciato durante lo scorso fine settimana un programma che consente ai proprietari di case di richiedere un sussidio per l’elettricità fino a 600 euro (634 dollari). È stata annunciata anche una seconda tornata di domande per il ‘Fuel Pass’ (sussidi per benzina e diesel). Il governo sta anche valutando la possibilità di introdurre un altro “assegno per l’inflazione simile all’elemosina di 200 euro ricevuta da molti greci prima di Pasqua, per aiutare le famiglie a far fronte all’aumento dei prezzi”, ha dichiarato in una nota Wolfango Piccoli, co-presidente del gruppo di consulenza Teneo.

E il timore contagi non si placa. “Colpita più duramente degli Stati Uniti dallo shock dei prezzi dell’energia, prevediamo che l’economia della zona euro entrerà in recessione prima degli Stati Uniti“, hanno scritto in una nota gli analisti della banca tedesca Berenberg, prevedendo una contrazione del PIL dello 0,8% per la zona euro nel 2023. L’istituto di credito tedesco ha chiosato:

“Tutto ciò  rappresenta una notevole revisione delle previsioni dall’inizio dell’anno; all’epoca si pensava che le prospettive economiche dell’Europa fossero più rosee di quelle degli Stati Uniti, ma l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia ha cambiato le cose. Se non fosse per il probabile ritorno dei turisti in estate dopo il Covid, probabilmente la recessione sarebbe già iniziata“.