Governo: pronto un altro regalo per le banche

15 Ottobre 2013, di Redazione Wall Street Italia

ROMA (WSI) – Le banche e le compagnie di assicurazione potranno dedurre fiscalmente dal reddito svalutazioni e perdite su crediti in quote costanti entro cinque anni dal momento in cui vengono imputate in bilancio e non più in 18 anni come è stato finora.

Lo rivela la bozza del testo ottenuta in esclusiva per la consultazione da Reuters.

Questa norma era la principale richiesta del settore bancario, che ha sempre fatto sapere come l’attuale regime di deducibilità in 18 anni sia un’anomalia italiana, che penalizza fiscalmente gli istituti italiani rispetto ai concorrenti.