GOVERNO IN CRISI
DI CONSENSO: -18 PUNTI IN TRE MESI

19 Ottobre 2006, di Redazione Wall Street Italia

Il contenuto di questo articolo esprime il pensiero dell’ autore e non necessariamente rappresenta la linea editoriale di Wall Street Italia, che rimane autonoma e indipendente.

(WSI) –
Gli italiani si fidano sempre meno del governo di centrosinistra, ma Prodi dice di essere «attento ma non preoccupato» per una situazione che gli ricorda il ‘96 quando a una perdita di consensi seguì un recupero. Prodi non vuole «snobbare» il campanello d´allarme, ma ricorda che «l´obiettivo del governo è di lavorare cinque anni, l´intera legislatura».

Però il sondaggio Ipr Marketing per Repubblica è la fotografia di un crollo a sei mesi di distanza dalle elezioni che hanno portato Romano Prodi a Palazzo Chigi. I dati sono significativi e non lasciano spazio a troppi dubbi: in tre mesi – da luglio a oggi – il presidente del Consiglio perde nove punti di consenso, dal 58 al 49 per cento.

Con INSIDER puoi guadagnare in un mese piu’ del tuo stipendio di un anno. Clicca sul
link INSIDER

Ancora peggiore è il dato che riguarda il governo nel suo complesso. Nello stesso periodo luglio-ottobre, infatti, l´esecutivo è sceso dal 63 al 45 per cento. A dare un colpo al gradimento del governo presso l´opinione pubblica è stata sicuramente una Finanziaria particolarmente severa. E infatti il crollo che riguarda il ministro dell´Economia Padoa Schioppa è di venti punti, dal 71 al 51 per cento.

Ma il giudizio negativo non risparmia nessun ministro, con l´eccezione di due «estremisti»: il «giustizialista» Di Pietro che si è battuto contro l´indulto sponsorizzato dal ministro della Giustizia Mastella (ultimo nella classifica dei ministri) e il comunista Ferrero. Nel dettaglio, il più gradito dagli intervistati è il ministro degli Esteri D´Alema con il 64 per cento, quattro punti sotto il sondaggio precedente. Francesco Rutelli, l´altro vicepremier perde nove punti e ha la fiducia del 55 per cento.

Dietro D´Alema i ministri di cui gli intervistati hanno più fiducia sono, a pari merito, Di Pietro e Giovanna Melandri. Tutti gli altri perdono, chi più: Bersani meno quindici; chi quasi niente: Pollastrini, meno uno. A rendere ancora più preoccupante il sondaggio per il governo c´è il fatto che la percentuale di conoscenza di ogni singolo ministro presso l´opinione pubblica è in aumento, in pratica aumenta la conoscenza e diminuisce la fiducia. I commenti nel centrosinistra sono abbastanza preoccupati, come è logico. Molti cercano di spiegare il calo di fiducia con la necessità di far quadrare i conti.

«Abbiamo fatto del nostro meglio e continueremo a farlo», commenta Livia Turco, «contenta» per essersi classificata piuttosto in alto nella classifica dei ministri. Colpa dell´eredità lasciata da Berlusconi, spiega il capogruppo dell´Ulivo alla Camera Franceschini. «Non posso che risalire», commenta spiritosamente il ministro Santagata, penultimo nella classifica. E l´ultimo, Mastella, non l´ha presa bene: «Si sa come sono i sondaggi – dice – anche alle elezioni dicevano che eravamo 7 punti avanti, e poi s´è visto com´è andata a finire. Che devo dire: spero di recuperare».

Del resto «questo qui lo ha fatto fare Repubblica, e i lettori di Repubblica – sostiene il ministro della Giustizia – non sono miei elettori. Quelli votano per una certa parte, o no? io consiglio i sondaggi di altri giornali, che so Il Mattino, il Corriere o meglio ancora il Corriere di Ceppaloni… «. Dal centrodestra il commento è quasi scontato. «Basta girare l´Italia – dice il presidente dei senatori di Forza Italia Schifani – per toccare con mano quanto gli italiani siano addirittura preoccupati di questo governo».

Copyright © La Repubblica per Wall Street Italia, Inc. Riproduzione vietata. All rights reserved