Goldman Sachs crede in rimonta sterlina: “prevarrà Brexit soft”

2 Aprile 2019, di Mariangela Tessa

Goldman Sachs ci crede: la travagliata Brexit avrà un “happy ending”. Motivo per il quale la banca d’affari americana suggerisce di puntare sulla sterlina, la valuta che, al momento, presenta, tra quelle dei mercati sviluppati, maggiori possibilità di rimbalzo. E che, alla luce del caos recente, ha perso terreno e  ora quota a 1,307 contro il dollaro.

“Stiamo arrivando ad un grande traguardo, nonostante il fallimento del voto di ieri”, ha detto Zach Pandl, strategist di Goldman Sachs all’agenzia Bloombergdopo che il Parlamento britannico ha respinto tutte le alternative al piano della premier Theresa May. 

Invece di uno stallo prolungato o di uno scenario di non-accordo caotico, secondo Pandl alla fine prevarrà quella che è stata definita “soft Brexit”, che potrebbe includere un’unione doganale permanente.

“La sterlina è forse la più grande opportunità alla luce dei tassi di cambio attuali”, ha detto Pandl. In caso di no deal la divisa britannica potrebbe, secondo alcuni analisti, scivolare anche addirittura sulla parità con il dollaro Usa.

Separatamente,l’esperto di Forex della banca ha chiuso la sua breve raccomandazione sul dollaro USA contro lo yen giapponese:

“Pensiamo di aver visto abbastanza dati da indicare che il ciclo industriale globale sta crescendo“, ha detto Pandl. “Ma è un po’ troppo rischioso scommettere sull’apprezzamento dello yen nel breve periodo”.