Gli NFT sovraperformano le criptovalute nel primo trimestre

13 Aprile 2022, di Gianmarco Carriol

I non-fungible token, in particolare gli NFT relativi al metaverso, hanno goduto di un periodo di forte e rapida crescita durante il primo trimestre del 2022, soprattutto se confrontati con le criptovalute, afferma la società di analisi blockchain Nansen.

Nel suo recente “NFT Indexes Quarterly Report”, gli esperti di Nansen hanno rivelato che il mercato NFT ha assistito a una crescita dei prezzi del 49,9% nel primo trimestre, mentre l’indice di monitoraggio di Bitcoin è aumentato solo dell’1,9% nello stesso periodo.

Il mercato NFT ha sovra performato il mercato delle criptovalute da inizio anno con un rendimento del 49,9% se denominato in ETH e del 37,7% se denominato in USD, ha affermato la società. La capitalizzazione di mercato totale dell’ Indice di Nansen è di circa 6,16 milioni di ETH o $ 18,6 miliardi di dollari.

L’ampio “NFT-500:ETH Index” di Nansen tiene traccia delle prestazioni delle principali 500 raccolte NFT sulla rete Ethereum. La società ha recentemente ribilanciato l’NFT-500 e 5 indici NFT più piccoli che tracciano blue-chip, social, gaming, art e metaverse.

I maggiori ritorni provengono dal Metaverso

Come rivelato dai dati di Nansen , gli NFT Metaverse hanno guidato il mercato nel primo trimestre del 2022 generando rendimenti fino al 131%, denominati in ETH, o 112% se denominati in USD.

La società ha anche notato un leggero calo nelle sottocategorie NFT di terreni e immobili a seguito del ribilanciamento del “Metaverse-20 Index”. Nello stesso periodo, le prestazioni generali degli avatar metaverse e degli NFT di utilità sono aumentate.

Gianmarco Carriol | Wall Street Italia

Nonostante la loro crescita, gli NFT Metaverse sono stati evidenziati come il segmento di mercato NFT più volatile. Nansen lo paragona al prezzo degli NFT Metaverse tipo asset, come ASSETS di The Sandbox, afferma Nansen .

“Data la vasta gamma e i tipi di NFT Metaverse Asset, valutare i prezzi di questi NFT è impegnativo. Allo stesso modo, la relativa natura illiquida degli Art NFT porta anche a informazioni sui prezzi asimmetriche all’interno del mercato, che potrebbero essere un fattore che contribuisce alla sua volatilità. Di conseguenza, la valutazione di questi NFT a volte può presentare un problema ostico, specialmente quei pezzi che sono rari. Molti di questi partecipanti al mercato, quindi, si comportano come speculatori“, hanno spiegato i ricercatori.

Quando hanno indicato gli NFT meno volatili, i ricercatori hanno menzionato i token non fungibili indirizzati all’indice Blue Chip-10, che traccia una raccolta di 10 NFT ampiamente riconosciuti e consolidati.

Gli NFT di gioco si sono comportati peggio

L’Indice Gaming-50 di Nansen ha mostrato il più grande calo delle prestazioni durante il primo trimestre. Rispetto ad altri indici NFT, quelli legati ai giochi hanno generato perdite fino al 24,4% denominate in ETH o 30,6% in USD.

Il “Gaming-50 Index” tiene traccia dei 50 più grandi giochi per capitalizzazione di mercato, inclusi giochi Play-to-Earn, Game-Fi (giochi con elementi di finanza decentralizzata) e NFT di giochi di ruolo.