Giù Borsa Milano. Occhi su Fed, Thailandia e dato choc Cina

13 Ottobre 2016, di Laura Naka Antonelli

Sentiment negativo sui mercati, anche per il dato choc relativo alle esportazioni della Cina, che sono crollate a settembre del 10%, scontando la debole domanda estera. Hong Kong ha testato il minimo in sei settimane dopo il dato, perdendo oltre l’1%.

Focus anche sulla Fed: la pubblicazione delle minute relative al meeting di settembre mostrano come diversi esponenti del Fomc – il braccio di politica monetaria della Fed – fossero a favore di un rialzo dei tassi. Treasuries Usa in rialzo al ritmo più forte in due settimane, con gli investitori che hanno preferito rifugiarsi sugli asset reputati più sicuri.

Borsa Milano accelera al ribasso con perdite fino a -2% già in mattinata.

Sul forex si rafforza lo yen, dopo aver segnato il minimo dallo scorso luglio, a 104,64 nei confronti del dollaro.

L’indice Nikkei della borsa di Tokyo ha terminato le contrattazioni in ribasso dello 0,39%. Sidney -0,71%, Seoul -0,87%.

Lasciate qui sotto commenti, news e rumor dalle sale operative, consigli, strategie di investimento, le vostre esperienze e tutto quello che vi passa per la testa. Tutti gli aggiornamenti di borsa sul LIVE BLOG (SOTTO), con flash di notizie e grafici.

Il Liveblog è terminato

Laura Naka Antonelli 13 Ottobre 20169:13

In calo i principali indici di Borsa europei.

Laura Naka Antonelli 13 Ottobre 20169:36

Banche italiane sotto pressione.

Laura Naka Antonelli 13 Ottobre 201610:36

Il Ftse Mib arriva a perdere anche il 2%, per poi ridurre in misura lieve i ribassi. Listino tinto di rosso, tra i pochi titoli positivi si mette in luce Mps, con +1,22%. Tra gli altri titoli bancari: Banca Mediolanum -2,09%, BP -2,22%, BPM -1,93%, Bper -1,81%. Eccezione anche per Fineco Bank, titolo +2,51%, che beneficia della notizia della vendita di un’altra sua quota del 20% da parte di Unicredit. Male Intesa SanPaolo -2,13%, Ubi Banca -2,74%, Unicredit -1,12%.. Tra i titoli di altri settori Cnh Industrial -2,34%, Eni -1,43%m Enel -0,86%, FCA -2,33%, Generali -2,69, A fondo Unipol -4,2%, UnipolSai -4,74% e Telecom Italia -3,64%. Bene STM con +2,40%. Il Ftse Mib cede l’1,43%, a 16.234,66 punti.  

Laura Naka Antonelli 13 Ottobre 201610:50

Sotto pressione i futures sugli indici azionari Usa.

Laura Naka Antonelli 13 Ottobre 201613:33

Indice Ftse Mib rimane sotto pressione, in calo dell’1,37%, a 16.224,50 punti. Bene FinecoBank dopo la notizia della vendita di un’altra quota del 20% da parte di Unicredit. Il titolo balza oltre il 4%. 

Daniele Chicca 13 Ottobre 201614:29

Si profila un’apertura all’insegna delle perdite per Wall Street, con il Dow Jones che, almeno stando all’andamento dei future sui principali indici di Borsa, è visto accusare un ribasso a tre cifre.

Daniele Chicca 13 Ottobre 201614:30

Si profila un’apertura all’insegna delle perdite per Wall Street, con il Dow Jones che, almeno stando all’andamento dei future sui principali indici di Borsa, è visto accusare un ribasso a tre cifre. 

Anche in Usa come in Europa a pesare è il tracollo del 10% dell’export cinese. Secondo gli analisti di Saxo Bank il dato macro potrebbe persino avere un impatto sulle decisioni di politica monetaria che la Federal Reserve prenderà.

Daniele Chicca 13 Ottobre 201614:43

Mercati nervosi dopo che è stata data la notizia della morte del Re della Thailandia, considerato nel paese come una specie di semi divinità. L’erede al trono non gode della stessa popolarità del padre e ora alcuni analisti temono che nella nazione emergente sarà il caos.

I mercati azionari thailandesi sono molto volatili da tre mesi proprio per via delle condizioni di salute precarie del monarca 88enne. Bhumibol Adulyadej è stato l’imperatore con il regno più duraturo al mondo, anche della Regina Elisabetta.

Laura Naka Antonelli 13 Ottobre 201615:36

Avvio negativo per i principali indici azionari Usa.

Laura Naka Antonelli 13 Ottobre 201616:08

Accelerazione ribassista per Wall Street, con l’indice Dow Jones che cede quasi 200 punti e buca la soglia dei 18.000 punti per la prima volta dalla metà di settembre.

Daniele Chicca 13 Ottobre 201617:50

Le Borse europee hanno chiuso in forte ribasso, appesantite dal -3% del settore minerario che ha pagato il tracollo del -10% delle esportazioni in Cina. Sui mercati l’attenzione è sempre concentrata sulle prossime strategie delle banche centrali e agli sbalzi del petrolio, mentre la Thailandia è in lutto per la morte del suo re, che era il monarca più longevo al mondo e veniva considerato una specie di semi divinità nel paese. Il rischio secondo gli analisti è che ritorni l’instabilità politica in una nazione che nell’ultimo decennio è stata già oggetto di crisi politiche e colpi di stato.

Daniele Chicca 13 Ottobre 201617:51

Piazza Affari ha chiuso pure in netto calo, con l’indice Ftse MIB che ha perso l’1,2% circa, zavoratto dai titoli del settore bancario, da Fca e da Cnh Industrial, mentre si sono mossi in controtendenza A2A, Ferragamo e Luxottica.

Daniele Chicca 13 Ottobre 201617:52

Sugli altri mercati, sul Forex il tasso di cambio euro dollaro quota $1,104, mentre i contratti sul petrolio Wti scambiano invariati a 50,20 dollari al barile dopo che in precedenza avevano bucato al ribasso l’area dei $50. Le scorte di greggio settimanali Usa sono cresciute di 4,9 milioni di barili, a fronte di attese che erano per un incremento di soli 700mila barili.

Daniele Chicca 13 Ottobre 201617:53

Sugli altri mercati, sul Forex il tasso di cambio euro dollaro quota $1,104, mentre i contratti sul petrolio Wti scambiano invariati a 50,20 dollari al barile dopo che in precedenza avevano bucato al ribasso l’area dei $50. Non aiutano i persistenti timori legati all’offerta in eccesso. Le scorte di greggio settimanali Usa sono cresciute di 4,9 milioni di barili, a fronte di attese che erano per un incremento di soli 700mila barili.