GERMANIA: IN CALO LA FIDUCIA DELLE IMPRESE

23 Marzo 2005, di Redazione Wall Street Italia

ROMA, 23 mar – Il petrolio alle stelle e l’euro forte pesano sulla fiducia delle imprese tedesche: l’indice calcolato dall’istituto Ifo di Monaco è sceso a 94, minimo dal settembre 2003, dopo un dato rivisto a 95,4 a febbraio. Gli economisti si aspettavano un valore invariato. In calo sia l’indice sulla situazione attuale, a 93,3 da 94,5, che quello sulle prospettive future, a 94,6 da 96,4 di febbraio.

“Pare – ha commentato Gernot Nerb, uno degli economisti dell’istituto Ifo – che l’economia non riesca a prendere velocità. Specialmente per quanto riguarda gli investimenti, non si vede la ripresa sperata”. Nerb, che ha sottolineato l’impatto del petrolio record e dell’euro forte, ha anche notato che “non c’é una ripresa che si rafforzi di mese in mese, ma un’economia ancora altalenante”, e ha confermato le previsioni di crescita dell’1,2% per l’economia tedesca nel 2005, specificando tuttavia che “si tratta della parte superiore del range”.

Il presidente dell’Ifo, Hans-Werner Sinn, ha detto che “purtroppo, si sono rafforzate le indicazioni di rallentamento delle dinamiche cicliche, in particolare non si è avverata la speranza per una ripresa degli investimenti”.