GERMANIA CHIEDE REGISTRO PER HEDGE FUNDS

31 Marzo 2000, di Redazione Wall Street Italia

Durante lo scorso fine settimana, i legislatori impegnati nella riforma del sistema finanziario internazionale si sono incontrati a Singapore in occasione del Financial Stability Forum ed hanno deciso di non imporre alcuna regolamentazione diretta agli hedge funds pur non precludendo, come richiesto da Germania e Francia, una regolamentazione futura.

Nel corso del Forum, si sono fatte varie proposte riguardo gli hedge funds. La proposta tedesca prevedeva un “international credit register” che raccolga tutte le informazioni provenienti dalle istituzioni finanziarie a seconda del loro grado di esposizione ai piu’ rilevanti hedge funds.

Gli Stati Uniti si sono schierati contro ogni tipo di regolamentazione diretta a riguardo anche se appoggiano i progetti legislativi in discussione alla Camera dei Rappresentanti USA che impongono ai maggiori 25 hedge funds la massima chiarezza circa i rischi correlati. Seconda la Casa Bianca, che vuole assicurarsi che i gestori di hedge funds riescano a cooperare, una regolamentazione potrebbe rendersi necessaria nel futuro.

La raccomandazioni del Financial Stability Forum riflettono quasi interamente le opinioni del Group of Financial Markets istituito dal presidente americano Bill Clinton anche se i membri del Forum sono stati molto piu’ specifici su quello che potrebbe essere fatto qualora gli hedge funds falliscano nel dare informazioni adeguate.

Il Forum considera l’“international credit register” un’istituzione parallela rispetto alle proposte americane per fare in modo che gli hedge funds rilascino le informazioni finanziarie in base ai legislatori locali. Qualora si rifiutassero, il “registro” potrebbe chiedere alle banche di fornire loro le informazioni circa i prestiti fatti agli hedge funds per ricavarne poi le informazioni necessarie e renderle pubbliche.

La proposta di istituzione di un “registro” ha fatto nascere molte critiche visto che potrebbe essere estremamente complicato ricostruire le transazioni bancarie degli hedge funds qualora queste siano avvenute in forma di derivati od operazioni di pronti contro termine (repurchase agreement).

Gli hedge funds sono stati accusati di aver aggravato la crisi asiatica nel biennio 1997-98 appoggiando operazioni speculative contro alcune monete locali e sono stati criticati in Europa dove alcuni politici li ritengono capaci di contrastare l’azione politica dei governi. Secondo il primo ministro francese, Lionel Jospin, non si e’ fatto abbastanza al riguardo ed occorre porre una regolamentazione diretta.

Tuttavia, al momento sembra impossibile raggiungere un consenso sul da farsi riguardo una regolamentazione diretta. Il Forum, dominato dai membri del G7, ha fatto sapere tramite il comunicato di domenica scorsa che le sue raccomandazioni potrebbero portare ad un regolamento diretto da imporre agli hedge funds.