Generazione X (i 50enni) più vicina alla pensione ma inflazione incombe

22 Agosto 2022, di Alessandra Caparello

Mentre la Generazione X si avvicina alla pensione, l’inflazione sembra pesare di più su questo gruppo più giovane rispetto agli altri adulti. Rispetto infatti ai millennial (età compresa tra i 26 e i 41 anni) e ai baby boomer (età compresa tra i 58 e i 76 anni), una quota maggiore di appartenenti alla generazione X (età compresa tra i 42 e i 57 anni) è preoccupata per le prospettive economiche future, per il mantenimento del proprio tenore di vita e per il pensionamento.

Così una recente ricerca di State Street Global Advisors riportata dall’emittente Cnbc.

“La generazione X sta mostrando segni di stress, con le maggiori preoccupazioni per l’inflazione… le prospettive economiche del Paese, la volatilità dei mercati e la capacità di mantenere la rotta”, ha dichiarato Brie Williams, responsabile della gestione delle pratiche di State Street Global Advisors.

La ricerca si basa sull’analisi dei risultati di un sondaggio condotto su 243 adulti con un patrimonio investibile pari o superiore a 250.000 dollari. Il margine di errore è di più o meno il 5%. Sebbene l’inflazione abbia mostrato segni di attenuazione a luglio, l‘indice dei prezzi al consumo è aumentato dell’8,5% rispetto a un anno prima negli Usa. La Federal Reserve ha aumentato più volte il tasso di interesse di riferimento quest’anno nel tentativo di rallentare l’inflazione e si prevede che il mese prossimo effettuerà un altro aumento.
La generazione X ha tagliato le spese, ma ha mantenuto i risparmi per la pensione. Il ritmo più elevato del normale dell’inflazione – il tasso obiettivo della Fed è del 2% – ha indotto una quota maggiore di giovani della generazione X (61%) a ridurre le spese discrezionali, come i pasti fuori casa. Tra i millennial la percentuale è del 37% e tra i boomers del 54%.

Per quanto riguarda gli acquisti di prima necessità, come i generi alimentari o la benzina, i risultati sono simili: il 41% della Gen X ha tagliato di più rispetto ai millennial (26%) e ai boomers (21%).

Inoltre, è più probabile che abbiano ridotto i contributi ai loro risparmi regolari (36% contro 18% per le altre generazioni), ma non ai loro conti pensionistici. Solo il 5% dei Gen X dichiara di aver ridotto l’ammontare dei contributi al proprio fondo pensione, rispetto al 18% dei millennial e all’11% dei boomers.

“Penso che le azioni  stanno dimostrando di essere relativamente prudenti finora”, ha detto Williams secondo cui, il taglio della cinghia e gli aggiustamenti delle spese e degli obiettivi finanziari a breve termine potrebbero avere dei benefici in futuro. Questa fascia d’età “sta cercando di fare affidamento sulla propria capacità di recupero per orientarsi nel futuro”, ha affermato. “Quando si vede che i giovani della Gen X adottano un [approccio] prudente… significa che attenersi a una disciplina di bilancio o di investimento sarà più facile quando l’economia migliorerà”.