Futures Usa riducono notevolmente le perdite

13 Settembre 2011, di Redazione Wall Street Italia

New York -I problemi dell’Italia continuano a scuotere i mercati globali, Wall Street compresa. I risultati dell’ultima asta mostrano una Italia ancora più vulnerabile, vittima di una manovra che gli investitori mostrano di non apprezzare affatto.

Sempre riguardo al nostro paese, il mercato guarda ora anche alla bufala Grecia e alle dichiarazioni del presidente americano Barack Obama, che ha chiaramente detto di essere preoccupato per la crisi italiana.I problemi della Grecia, il cui rischio default è al 98%, mettono ancora più tensione sull’azionario mondiale. Tuttavia, dopo la pubblicazione del dato relativo ai prezzi alle importazioni e complice anche il recupero dell’azionario europe, i futures Usa riducono sensibilmente le perdite. (vedi quotazioni in fondo pagina).

Sul fronte valutario l’ euro recupera lievemente terreno (+0,04%), ma rimane piatto attorno a $1,3667. La moneta unica è piatta anche verso il franco a CHF 1,2038 e arretra contro lo yen dello 0,43%, a JPY 105,01.

I futures sul petrolio sono in rialzo dello 1,77%, a quota $89,75 al barile, mentre le quotazioni dell’oro tornano a salire, registrando un rialzo dello 0,89%, a $18.29,5.

Intanto alle 14.55 (le 8.00 ora di New York) il future sull’indice S&P500 scende di 1,3 punti (-0,11%), a quota 1.156.

Il contratto sull’indice Nasdaq 100 e’ in crescita di 2 punti (+0,09%), a 2.192,25.

Il contratto sull’indice Dow Jones arretra di 10 punti (-0,09%), a 10.979.

I rendimenti dei Treasury a 10 anni sono in crescita all’1,954%.