FUTURES USA POSITIVI, FOCUS SUI RETAILER

12 Marzo 2010, di Redazione Wall Street Italia

I futures sui principali indici borsistici americani scambiano in lieve rialzo(vedi quotazioni a fondo pagina). Ad un’ora e mezza dall’avvio delle contrattazioni, dunque, l’apertura si preannuncia positiva, ma con cautela all’indomani della terza seduta consecutiva di rialzi.

Il quadro si fara’ probabilmente piu’ chiaro dopo la pubblicazione dei dati macroeconomici in calendario per la giornata odierna. Alle 14:30 ora italiana (le 8:30 a Nwe Yok), si inizia con le vendite al dettaglio nel mese di febbraio, viste in calo dello 0.2%. “I risultati dovrebbe risentire dalla cattive condizioni meteo ma da tutto il settore arrivano segnali che fanno pensare a un andamento delle attivita’ migliore del previsto”, ha spiegato Lena Komileva, a capo di Group of Seven market economics.

Alle 15:55 sara’ la volta della fiducia dei consumatori rilevata dall’Universita’ del Michigan. A marzo dovrebbe esser invariata a quota 73.6 rispetto al mese precedente. Cinque minuti dopo sono previste le scorte alle imprese di gennaio, attese in crescita dello 0.2%.

Per i tuoi investimenti, segui il feed in tempo reale di Wall Street Italia INSIDER. Se non sei abbonato, fallo subito: costa solo 0.77 euro al giorno, provalo ora!

Si guarda anche alle poltrone vacanti nella Fed. Dopo l’uscita di Donald Kohn prevista per giugno, il presidente Obama sarebbe pronto a nominare vicepresidente della banca centrale Janet Yellen, attualmente presidente della Fed di San Francisco e sostenitrice della politica monetaria accomodante targata Ben Bernanke.

Arrivano buone notizie dalla corporate america. National semiconductor ha archiviato il trimestre con conti migliori delle attese e ha fornito prospettive per il futuro superiori alle precedenti indicazioni. Anche la catena di abbigliamento Aeropostale ha messo a segno utili oltre le stime.

Sugli altri mercati, nel comparto energetico le quotazioni del greggio sono in rialzo. I futures con consegna aprile avanzano di $0.54 attestandosi a quota $82.65 al barile con l’Agenzia internazionale dell’energia che ha migliorato le stime sulla domanda. Sul valutario la moneta unica viaggia a quota $1.3772 (+0.67%). L’oro lascia guadagna $8.40 in area $1116.60 l’oncia. In progresso i Titoli di Stato, con il rendimento sul benchmark decennale che si attesta al 3.73%.

Alle 14:00 (le 8:00 ora di New York) il contratto future sull’indice S&P500 avanza di 2.80 punti (+0.24%) a 1148.70.

Il contratto sull’indice Nasdaq 100 guadagna 2 punti (+0.10%) a 1924.50.

Il contratto sull’indice Dow Jones segna incremento di 24 punti a 10572.