FUTURES USA PIATTI, OCCHI PUNTATI SU WASHINGTON

18 Giugno 2009, di Redazione Wall Street Italia

Si profila una seduta all’insegna dell’incertezza per l’azionario americano, con i contratti sugli indici borsistici principali che scambiano intorno ai livelli di parita’ (vedi quotazioni a fondo pagina), mentre gli investitori sono intenti a valutare tutte le possibili ramificazioni della riforma del sistema di supervisione del settore finanziario, annunciato ieri dall’amministrazione Obama.

Vuoi sapere cosa comprano e vendono gli Insider di Wall Street? Prova ad abbonarti a INSIDER: costa meno di 1 euro al giorno. Clicca sul link INSIDER

I listini vengono da una seduta contrastata, con i finanziari sotto pressione e i tecnologici ispirati. Il presidente Barack Obama ha proposto ieri una riforma del sistema di supervisione delle societa’ finanziarie del Paese, che aumentera’ i poteri della Federal Reserve, consentendole di controllare i principali istituti, vitali per garantire il regolare andamento dell’economia.

La proposta prevede inoltre che alla Banca Centrale sia data la possibilita’, in circostanze straordinarie, di prestare un aiuto economico dell’ultima ora alle banche principali, previa l’approvazione dal Dipartimento del Tesoro. Oggi il segretario del Tesoro Timothy Geithner interverra’ con una testimonianza dinanzi al Senato e alla Camera proprio per discutere le proposte descritte ieri da Obama.

“Penso che la proposta non avra’ un grande impatto sui mercati, ma iniziano gia’ a suonare i primi campanelli d’allarme: l’implementazione dello zelo nei metodi di controllo rischia infatti di compromettere la ripresa dell’economia”, osserva David Buik, strategist di BGC Capital Partners, che aggiunge: “forse questo e’ il prezzo che dobbiamo pagare affinche’ il settore bancario torni a risplendere”.

Nel frattamempo il mercato azionario si mantiene intorno ai livelli di parita’, con gli investitori che hanno reagito con freddezza agli ultimi sviluppi macroeconomici, secondo quanto sottolineato dagli analisti.

Oggi in calendario figura l’aggiornamento settimanale sulle richieste di sussidio di disoccupazione, cui seguira’ il Superindice di maggio e l’indice manifatturiero della Fed di Philadelphia.

Sugli altri mercati, nel comparto energetico i futures con consegna luglio perdono $1.15 a $69.32 al barile. Sul valutario, l’euro in lieve flessione nei confronti del dollaro, attestandosi a quota 1.3918. Avanza anche se con moderazione l’oro, a $939.10 (+$3.10) l’oncia. In ribasso invece i prezzi dei Titoli di Stato Usa: il rendimento sul benchamrk decennale e’ salito al 3.6300% dal 3.6470% di mercoledi’.

Alle 14:00 (le 8:00 ora di New York) il contratto futures sull’indice S&P 500 e’ in rialzo di 0.30 punti (+0.03%) a 905.10.

Il contratto sull’indice Nasdaq 100 segna -4.75 (-0.33%) a 1448.75.

Il contratto sull’indice Dow Jones cede 7 punti (-0.08%) a 8430.00.