Futures Usa in peggioramento, prevalgono le vendite

30 Agosto 2010, di Redazione Wall Street Italia

Si preannuncia un inizio di settimana incerto: quando manca mezz’ora all’avvio delle contrattazioni i futures Usa viaggiano sulla linea di parita’, (vedi quotazioni a fondo pagina), con gli investitori che hanno digerito una serie di notizie di M&A e non hanno mostrato una reazione particolare all’ultima carrellata di dati macro.

L’attenzione del mercato era concentrata sulle spese al consumo e i redditi personali di luglio: le prime hanno registrato un incremento dello 0.4%, lievemente sopra le attese, i secondi dello 0.2, in linea. L’inflazione e’ aumentata moderatamente rispetto al mese precedente.

Vanificato cosi’ il rialzo della primissima mattinata sulla scia dei commenti di Bernanke, che ha promesso di fare il possibile per sostenere la ripresa, e della decisione della Banca del Giappone di espandere di 10 miliardi di yen le misure di alleggerimento monetario da 30 miliardi a favore del sistema bancario.

Tra i settori, i tecnologici stanno rubando la scena quest’oggi. Intel ha comprato le attivita’ wirless di Infineon per $1.4 miliardi. Inoltre secondo le ultime indiscrezioni che circolano sul mercato, Cisco sarebbe interessata a comprare Skype. E in settimana verranno presentati il Kindle 3 e il nuovo iPod.

Sempre in ambito di notizie di M&A, Sanofi-Aventis si e’ vista respingere un’offerta da $18.5 miliardi per Genzyme. A questo punto delle trattative, non e’ da escludere un’Opa ostile. BHP Billinton nel frattempo continua a dare la caccia a Potash.

Nel comparto energetico i futures sul petrolio con consegna ottobre arretrano dello 0.6% a $74.72. Il derivato con scadenza settembre dell’oro segna -0.02% a $1237.60. Sul fronte valutario l’euro segna -0.44% a quota $1.2707.

Alle 15:00 (le 9:00 ora di New York) il contratto future sull’indice S&P500 si muove piatto a 1063.70.

Il contratto sull’indice Nasdaq 100 registra un incremento di 0.25 punti a 1789.50 (+0.01%)

Il contratto sull’indice Dow Jones registra un calo di 6 punti a quota 10135 (-0.06%).