Futures Usa estendono i rialzi di luglio, Dow +100 punti

27 Luglio 2010, di Redazione Wall Street Italia

Quando manca mezz’ora all’avvio delle contrattazioni i futures Usa viaggiano in territorio positivo, (vedi quotazioni a fondo pagina), lasciando intendere un avvio sopra la parita’. Il mercato sembra ben impostato per un’altra seduta in rialzo dopo che i contri fiscali del colosso chimico DuPont e di alcune banche europee, hanno mantenuto alto il morale degli investitori.

Il mercato sembra ben impostato per un’altra seduta in rialzo dopo che i contri fiscali dei colossi Lockheed Martin e DuPont e di alcune banche europee, come UBS e Deutsche Bank, hanno mantenuto alto il morale degli investitori.

Un’altra notizia societaria che i trader sono impegnati a digerire questa mattina riguarda la perdita trimestrale di $17.2 miliardi annunciata dal gigante petrolifero BP, che ha inoltre ufficializzato la dipartita dell’AD Tony Hayward.

Tutto cio’ all’indomani di una seduta che ha visto il Dow tornare in territorio positivo nel 2010 e il paniere allargato chiudere sopra la media mobile a 200 giorni, considerto dai graficisti un importante traguardo tecnico. Il mercato cerchera’ oggi di infilare la quarta giornata di guadagni consecutiva.

Se vuoi guadagnare anche in fase di ribasso con i titoli e i comparti giusti, segui INSIDER. Se non sei abbonato, fallo subito: costa solo 0.86 euro al giorno, provalo ora!

DuPont ha archiviato il secondo trimestre con un utile netto di $1.16 miliardi, ossia $1.26 per azione, in rialzo dai $417 milioni, ovvero 46 cents di EPS, dell’anno prima. La componente del Dow ha inoltre rivisto al rialzo l’outlook sugli utili 2010, per rispecchiare i risultati positivi del secondo trimestre e si e’ detta ottimista per i prossimi anni a venire, vista la persistente crescita della vendite.

Gli utili di Lockheed Martin hanno battuto le attese di 18 centesimi. A riportare i conti quest’oggi sono anche Aetna, Anadarko Petroleum e Occidental Petroleum. In controtendenza si muove la catenna di magazzini al dettaglio Wal-Mart che paga un declassamento a Hold da Buy degli analisti di Stifel-Nicolaus.

Sul fronte fronte macro, alle 15 italiane e’ atteso l’indice dei prezzi immobiliari S&P/Case-Shiller, mentre un’ora dopo verra’ pubblicato l’aggiornamento di luglio sulla fiducia dei consumatori.

Il benchmark dei mercati in via di Sviluppo accelera per il sesto giorno consecutivo, registrando un progresso dello 0.8%. La Borsa turca (ISE National 100 Index) guadagna l’1.4% ai massimi assoluti dopo che la banca centrale ha rivisto al ribasso le previsioni sull’inflazione e dopo che il primo ministro britannico David Cameron ha esortato l’Unione Europea a far cadere le loro obiezioni circa l’ingresso del Paese nel blocco dei 27.

Sugli altri mercati, nel comparto energetico i futures sul petrolio con consegna settembre avanzano dello 0.7% a $79.53. Il derivato con scadenza agosto dell’oro cede $0.70 a quota $1186.30 l’oncia. Sul valutario l’euro viaggia in progresso dello 0.25% nei confronti della valuta Usa a $1.3027. Quanto ai Treasury, il rendimento sul benchmark decennale sale al 3.039% dal 2.994% di ieri.

Alle 15:00 (le 9:00 ora di New York) il contratto future sull’indice S&P500 segna un progresso di 12.35 punti a 1115.01 (+1.12%).

Il contratto sull’indice Nasdaq 100 registra un rialzo di 26.95 punti a 2296.43 (+1.19%)

Il contratto sull’indice Dow Jones guadagna 100.81 punti a quota 10525.40 (+0.97%).