FUTURES USA CAUTI, ASPETTANDO BERNANKE

16 Marzo 2010, di Redazione Wall Street Italia

I futures sui principali indici borsistici americani scambiano in leggero rialzo(vedi quotazioni a fondo pagina). Ad un’ora e mezza dall’avvio delle contrattazioni, dunque, l’apertura si preannuncia cauta nel giorno in cui l’attenzione degli operatori e’ puntata sulla Fed.

Il Fomc, il braccio di politica monetaria della banca centrale americana, alle 19:15 ora italiana annuncera’ la decisione sul costo del denato. Come e quando indichera’ che stanno per finire i tempi di tassi estremamente bassi (sono compresi tra lo zero e lo 0.25% dal dicembre 2008) “per un lungo periodo di tempo” e’ il fattore cruciale. Gli economisti in generale credono che corrisponda almeno a un periodo di sei mesi. Ben Bernanke vuole evitare un messaggio che sia ambiguo. Un rialzo non e’ comunque imminente anche se gli osservatori iniziano a credere che un ritocco all’insu’ sia possibile a giugno o in autunno, a patto che l’economia risulti in ripresa. Si guardera’ anche ai programmi si stimolo all’economia e alla loro eventuale estensione, soprattutto per il comparto immobiliare.

Per i tuoi investimenti, segui il feed in tempo reale di Wall Street Italia INSIDER. Se non sei abbonato, fallo subito: costa solo 0.86 euro al giorno, provalo ora!

E’ questo il settore che forse piu’ di tutti preoccupa. Oggi una famosa analista di Wall Street ha previsto un nuovo tonfo per tutto il comparto, da cui oggi arriveranno nuove indicazioni con i nuovi cantieri edili e le licenze di costruzione. Nell’agenda anche i prezzi import/export.

A livello societario, buone notizie per gli analisti di Limited Brand. La societa’ ha annunciato un dividendo speciale di $1.

Sugli altri mercati, nel comparto energetico le quotazioni del greggio sono in rialzo. I futures con consegna aprile avanzano di $0.28 attestandosi a quota $80.08 al barile. Sul valutario la moneta unica riagguanta la soglia di $1.37(+0.34%). L’oro guadagna $9.10 in area $1114.40 l’oncia. In calo i Titoli di Stato, con il rendimento sul benchmark decennale che si attesta al 3.69% dal 3.71% di venerdi’.

Alle 13:00 (le 8:00 ora di New York) il contratto future sull’indice S&P500 sale di 2.10 punti (+0.18%) a 1147.50.

Il contratto sull’indice Nasdaq 100 guadagna 4.25 punti (+0.23%) a 1921.25.

Il contratto sull’indice Dow Jones avanza di 12 punti a 10588 (+0.11%).