FUTURES: TRIMESTRALI A LUCI ED OMBRE

di Redazione Wall Street Italia
22 Aprile 2008 14:58

A mezz’ora dall’apertura delle borse i contratti sugli indici Usa sono in lieve calo (vedi quotazioni a fondo pagina) il che lascia prevedere un avvio poco sotto la parita’ per l’azionario.

Dal fronte delle trimestrali continuano a giungere segnali contrastanti. Nell’after hour di ieri sera il gigante dei chip per la telefonia mobile Texas Instruments (TXN) ha offerto un outlook per i prossimi mesi che ha deluso gli operatori. Il fatto ha offuscato i buoni risultati dal colosso chimico Du Pont (DD).

Profitti e ricavi in linea invece per la societa’ telecom AT&T (T), mentre il leader dei fast food McDonald’s (MSC) ha riportato un EPS che si e’ attestato a livelli di 6 centesimi superiori al consensus. Continua a soffrire invece il comparto aereo, sotto la continua minaccia del forte incremento dei prezzi energetici. Ual Corp (UAUA), holding di United Airlines, ha riportato una perdita nell’ultimo trimestre nettamente superiore alle attese: il titolo arretra del 2% circa.

C’e’ grande attesa per i numeri di Yahoo! (YHOO) che saranno comunicati subito dopo la chiusura delle borse. La trimestrale potrebbe essere cruciale ai fini dell’operazione di takeover da parte di Microsoft (MSFT) che nei mesi scorsi aveva avanzato un’offerta di acquisto giudicata “non idonea”.

Hai mai provato ad abbonarti a INSIDER? Scopri i privilegi delle informazioni riservate, clicca sul
link INSIDER

“Da una parte c’e’ delusione per gli utili di Texas, dall’altra i risultati di Du Pont potrebbero innescare un rally delle commodities e dei comparti chimico ed agricolo. Non soprenderebbe dunque una certa debolezza all’interno del settore hi-tech” ha affermato Paul Mendelsohn, chief investment strategist di Windham Financial Services, che ha aggiunto: “la stagione delle trimestrali si sta rivelando migliore delle attese piu’ pessimiste. Cio’ potrebbe essere sufficiente per un rimbalzo dell’azionario”

Sul radar degli operatori in giornata ci sono anche gli aggiornamenti provenienti dal fronte macro, ed in particolare dal settore immobiliare. I dati sulle vendite di case esistenti dovrebbero mostrare una nuova contrazione dell’indicatore a 4.9 milioni di unita’.

Sugli altri mercati, nel comparto energetico il petrolio ha superato la soglia dei $118, spingendosi ad un nuovo record. Al momento i futures con consegna maggio si muovono comunque poco distanti dalla parita’, in rialzo di $0.02 a $117.50 al barile. Sul valutario, euro su rispetto al dollaro a quota 1.5930. Sale di $4.10 l’oro a $921.70 l’oncia. In calo infine i Titoli di Stato. Il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ salito al 3.73%.

Alle 15:00 (le 9:00 ora di New York) il contratto future sull’indice S&P500 e’ in ribasso di 2.60 punti (-0.19%) a 1385.70.

Il contratto sull’indice Nasdaq 100 segna -6.25 punti (-0.38%) a 1906.75

Il contratto sull’indice Dow Jones perde 11 punti (-0.09%) a 12797.

parla di questo articolo nel Forum di WSI