FUTURES: SI DIFFONDE L’OTTIMISMO SUGLI UTILI

4 Aprile 2006, di Redazione Wall Street Italia

A circa un’ora e mezza dall’apertura delle borse, i contratti sugli indici Usa sono piatti.

Gli operatori sembrano comunque ottimisti sullo stato dell’economia e sull’outlook relativo agli utili aziendali nonostante gli elevati prezzi delle commodities.

La settimana prossima inizieranno ad essere comunicate le prime trimestrali. Le previsioni per le societa’ che compongono l’indice S&P500 sono per una crescita degli utili di circa l’11% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Restano, tuttavia, ancora alti i livelli dei prezzi del petrolio e dei metalli. Nelle contrattazioni elettroniche i contratti futures con scadenza maggio sul greggio sono in ribasso di 48 centesimi, ma comunque ancora sopra i $66 al barile ($66.26). I futures sull’oro arretrano di $1.20 a $593.10, prezzo vicinissimo ai massimi di 25 anni; l’argento e’ ai massimi di 22 anni.

Per la cronaca societaria, potrebbe essere sotto pressione il settore bancario, in seguito all’annuncio di Merrill Lynch sul forte importo, non previsto, relativo al pagamento, in base alle nuove regole contabili, dei propri impiegati attaverso titoli. La spesa e’ pari a $850 milioni in piu’ rispetto alla cifra stimata inizialmente

Allo stesso tempo, sempre Merrill Lynch ha alzato le stime sui risultati del primo trimestre di Citigroup e JP Morgan citando forti risultati di trading per entrambe le banche d’affari.

Vedi decine di small e medium cap in forte crescita segnalate da
WSI nella rubrica Titoli Caldi, una delle 8 sezioni in tempo reale
riservate agli abbonati a INSIDER. Se non sei gia’ abbonato, clicca sul
link INSIDER

Sugli altri mercati, in rialzoi titoli di Stato. Il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ al 4.85%. Sul valutario, avanza l’euro nei confronti del dollaro: il cambio e’ a quota $1.2180.

Alle 14:00 (le 8:00 ora di New York) il contratto future sull’indice S&P 500 e’ in rialzo di un punt a 1306.70 punti.

Il contratto sull’indice Nasdaq avanza di 1.25 punti a 1725

Il contratto sull’indice Dow Jones guadagna 6 punti a 11203.