FUTURES POSITIVI, SI RITENTA IL RECUPERO

5 Giugno 2008, di Redazione Wall Street Italia

Ad un’ora e mezza dall’apertura delle borse i contratti sugli indici Usa sono in rialzo (vedi quotazioni a fondo pagina) il che lascia prevedere un avvio in progresso per l’azionario.

I listini potrebbero nuovamente tentare il recupero dopo aver chiuso in calo negli ultimi giorni a causa dell’allarme inflazione lanciato dalla Fed e delle preoccupazioni su ulteriori svalutazioni nel comparto finanziario. Il presidente della Fed Bernanke ha sottolineato che l’attuale livello inflazionistico e’ troppo alto e che la Banca Centrale agira’ per garantire la stabilita’ dei prezzi.

“I futures sembrano indicare un avvio in positivo, ma molti operatori potrebbero rimandare a domani il riposizionamento sull’azionario, dopo la diffusione degli ultimi aggiornamenti sull’occupazione” ha affermato Claire Collingwood, trader del gruppo CMC Markets. “Gli ultimi dati macro hanno indicato un recupero dell’economia, i numeri provenienti dal mercato del lavoro potrebbero confermare o confutare in maniera esplicita tale trend”

Il rapporto sull’occupazione e’ in calendario per domani, ma oggi saranno rilasciati gli ultimi dati sulle richieste di sussidio da parte dei disoccupati: le attese del mercato sono per un valore stabile a 372 mila unita’. Intanto proprio ieri, l’ADP Employment Report ha mostrato una crescita di posti di lavoro nel settore privato che ha sorpreso gli analisti.

Hai mai provato ad abbonarti a INSIDER? Scopri i privilegi delle informazioni riservate, clicca sul
link INSIDER

Sul fronte societario, in primo piano il comparto telecom. Vodafone (VOD) ha confermato che la divisione Verizon Wirelss, gestita con Verizon Communications (VZ), e’ in trattative per rilevare Alltel: il prezzo dell’operazioni dovrebbe aggirarsi intorno ai $27 miliardi. France Telecom (FTE) si e’ vista respinta l’offerta di $42 miliardi avanzata sulla rivale svedese TeliaSonera. ADC Telecommunications (ADCT) potrebbe assistere ad un buon rialzo del titolo grazie al miglioramento dell’outlook sulle vendite annuali.

Sugli altri mercati, nel comparto energia, in lieve calo il petrolio. I futures con consegna luglio segnano una perdita di 10 centesimi a $122.10 al barile. Sul valutario, l’euro e’ in ribasso rispetto al dollaro a quota 1.54. Arretra l’oro a $874.70 l’oncia (-$9.10). Scendono i Titoli di Stato. Il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ avanzato al 3.96%.

Alle 14:00 (le 8:00 ora di New York) il contratto future sull’indice S&P500 e’ in ribasso di 5.40 punti (+0.39%) a 1383.00.

Il contratto sull’indice Nasdaq 100 segna +8.25 (+0.41%) a 2029.00.

Il contratto sull’indice Dow Jones guadagna 37 punti (+0.30%) a 12441.

parla di questo articolo nel Forum di WSI