FUTURES PIATTI: INFLAZIONE SORVEGLIATO SPECIALE

16 Novembre 2006, di Redazione Wall Street Italia

A un’ora e mezza dall’apertura delle borse, i contratti sugli indici Usa sono sulla parita’.

Dopo le dichiarazioni della Fed, da cui sono emersi un certo ottimismo sull’economia ed alcune preoccupazioni sugli attuali livelli d’inflazione, gli operatori restano in attesa dell’importante dato sui prezzi al consumo: le stime sono per un ribasso dello 0.3%, per la versione standard, e un aumento dello 0.2% per la versione “core”.

Nella giornata di martedi’ l’indice dei prezzi alla produzione e’ risultato in flessione, scendendo ad un tasso che non si vedeva da ben cinque anni (13 anni per il “core”).

Nel caso di un valore del CPI nettamente inferiore alle previsioni, le possibilita’ di un taglio ai tassi d’interesse a partire dal prossimo anno senza dubbbio incrementerebbero.

Ma il calendario e’ ricco anche di altri appuntamenti da non trascurare. Gli aggiornamenti dal comparto del lavoro, la produzione industriale e il Philadelphia Fed completano il quadro macro, mentre sulla scena societaria sono attesi i report trimestrali di Hewlett-Packard ([[HPQ]]), Sturbucks ([[SBUX]]) e delle societa’ retail Gap e Big Lots.

Intanto nel preborsa il colosso informatico Dell ([[DELL]]) cede il 4.85% dopo aver posticipato la presentazione dei risultati trimestrali a causa di un problema di bilancio fatto presente dalla SEC. In ribasso anche BEA Systems ([[BEAS]]): la societa’ ha battuto le stime degli analisti nell’after hour di ieri ma la mancata comunicazione di un outlook sui prossimi trimestri e’ costato al titolo l’8.5% del prezzo.

Performance in rosso anche peril gruppo di semiconduttori Applied Materials per aver fornito deludenti previsioni sui prossimi trimestri.

Vedi decine di small e medium cap in forte crescita segnalate da
WSI nella rubrica Titoli Caldi, una delle 8 sezioni in tempo reale
riservate agli abbonati a INSIDER. Se non sei gia’ abbonato, clicca sul
link INSIDER

Sugli altri mercati, il petrolio continua a guadagnare terreno salendo di 42 centesimi a $59.18 al barile. Sul valutario, l’euro e’ in leggero calo rispetto al dollaro a quota $1.2809. L’oro e’ in rialzo di $3.20 a $627.00 all’oncia. In leggero progresso i titoli di Stato. Il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ al 4.61%.

Alle 14:00 (le 8:00 ora di New York) il contratto future sull’indice S&P 500 perde 1.00 punto a 1400.50.

Il contratto sull’indice Nasdaq 100 segna –1.00 punti a 1800.25.

Il contratto sull’indice Dow Jones e’ in rialzo di 1.00 punti a 12289.