FUTURES: NESSUNA SORPRESA DAI DATI MACRO

31 Maggio 2007, di Redazione Wall Street Italia

A mezz’ora dall’apertura delle borse i contratti sugli indici Usa sono in rialzo (vedi quotazioni a fondo pagina) il che lascia prevedere un avvio positivo per l’azionario.

Nuovi accordi societari sono alla base del sentiment positivo del preborsa. I dati diffusi in mattinata non hanno costituito alcuna sorpresa per gli operatori. Come ampiamente atteso il dato sul PIL del primo trimestre e’ stato rivisto al ribasso da +1.3% a +0.6%, al di sotto delle attese degli analisti (+0.8%), mentre l’aggiornamento sul deflatore, importante indicatore della dinamica inflazionistica, ha rispettato le attese. Leggermente migliori del consensus, infine, i numeri giunti dal comparto del lavoro, con le nuove richieste di sussidio da parte dei disoccupati in calo di 4 mila unita’ a 310 mila.

Subito dopo il suono della campanella sara’ la volta del Chicago PMI (stime: rialzo a 54 punti da 52.9) e della spesa per le costruzioni (che dovrebbe mostare un rialzo di appena lo 0.1%).

Nella giornata di ieri la diffusione dei verbali Fed sull’incontro svoltosi lo scorso 9 maggio avevano innescato un rally dei listini che ha permesso un totale recupero delle forti perdite segnate in avvio sulla scia della debolezza dei mercati asiatici.

Sul fronte societario, ad occupare la scena questa mattina e’ il comparto finanziario. La banca d’affari Wachovia ([[WB]]) sarebbe vicina all’acquisto del gruppo di brokeraggio AG Edwards ([[AGE]]): l’operazione, del valore di $6.8 miliardi, darebbe origine ad un colosso da $1.1 trilioni in asset.

Nella scena delle trimestrali, Tiffany’s ([[TIF]]), Ciena ([[CIEN]]) e Big Lots ([[BIG]])hanno battuto le attese degli analisti, Costco ([[COST]]) ha riportato un bilancio in linea con le previsioni del mercato.

Per cio’ che concerne l’andamento dei singoli titoli, in rialzo dell’1.10% il colosso media online Yahoo! ([[YHOO]]) in seguito alla notizia relativa alle dimissioni del Chief Technology Officer, Farzad Nazem, probabilmente a causa dei deboli risultati mostrati dal nuovo sistema di ricerca “Panama”, su cui l’azienda ha investito ingenti capitali.

Hai mai provato ad abbonarti a INSIDER? Scopri i privilegi delle informazioni riservate, clicca sul
link INSIDER

Sugli altri mercati, nel comparto energetico il petrolio sta cedendo terreno. Nelle contrattazioni elettroniche i futures con consegna luglio segnano un ribasso di 35 centesimi a quota $63.14 al barile. In via straordinaria i dati sulle scorte saranno pubblicati oggi (16:30 ora italiana) a causa della chisura dei mercati in avvio di settimana.

Sul valutario, in ripresa l’euro nei confronti del dollaro a quota 1.3462. Avanza di $5.40 l’oro a $664.70 all’oncia. In leggero ribasso i titoli di Stato Usa: il rendimento sul Treasury a 10 anni si e’ portato al 4.88%.

Alle 14:00 (le 8:00 ora di New York) il contratto future sull’indice S&P500 e’ in progresso di 2.40 punti (+0.17%) a 1536.50.

Il contratto sull’indice Nasdaq 100 segna +4.75 punti (+0.25%) a 1927.25.

Il contratto sull’indice Dow Jones guadagna 23 punti (+0.17%) a 13689.00

Vuoi vincere 5000 euro? Dai la tua opinione su WSI