FUTURES NEGATIVI: PREOCCUPA IL COMPARTO FINANZIARIO

22 Giugno 2007, di Redazione Wall Street Italia

A mezz’ora dall’apertura delle borse i contratti sugli indici Usa continuano a trattare in rosso (vedi quotazioni a fondo pagina) il che lascia prevedere un avvio negativo per l’azionario.

Timori sul comparto finanziario, legati agli investimenti in fondi particolarmente esposti ai cosiddetti mutui subprime (a maggiore rischio) sono alla base del tono negativo del preborsa.

Le forti difficolta’ mostrate da due fondi ormai sull’orlo del collasso gestiti da Bear Stearns, il piu’ grande broker per hedge funds degli Stati Uniti, hanno sollevato non poche preoccupazioni riguardo ad una reazione a catena che potrebbe mettere in serie difficolta’ l’intera industria.

In tale contesto gli operatori preferiscono assumere un atteggiamento di cautela, soprattutto in vista della decisione della Fed sui tassi d’interesse in calendario per la prossima settimana. Le stime degli analisti indicano che la Banca Centrale potrebbe mantenere il costo del denaro stabile al 5.25% ancora a lungo alla luce delle robuste condizioni economiche e dell’ancora elevato livello dell’inflazione.

A contribuire alle pressioni iniziali e’ anche il progresso dei rendimenti sui Titoli di Stato, puntati verso i recenti massimi. Lo yield sul Treasury a 10 anni e’ salito ad un massimo intraday del 5.192% dal 5.17% della chiusura di ieri.

A controbilanciare relativamente il clima negativo potrebbe pero’ essere il debutto in borsa di Blackstone, il piu’ largo gruppo di private equity ad approdare al Nyse, dopo aver raccolto ben $4.13 miliardi dall’operazione, nonostante le crescenti pressioni da parte del Congresso Usa per via delle politiche sulle tasse applicate a tali societa’.

Nell’ultima seduta i listini hanno archiviato la sessione in discreto rialzo grazie ad un colpo di reni finale originato dal rally del comparto dei semiconduttori e dal calo del greggio. Nelle contrattazioni elettroniche il petrolio continua a cedere terreno: i futures con consegna agosto segnano un calo di 20 centesimi a $68.45 al barile.

Hai mai provato ad abbonarti a INSIDER? Scopri i privilegi delle informazioni riservate, clicca sul
link INSIDER

Sugli altri mercati, sul valutario, l’euro avanza nei confronti del dollaro: il cambio tra le due valute e’ a quota 1.3461. In progresso l’oro. I futures con consegna agosto vengono scambiati a $658.60 all’oncia, in rialzo di $4.40.

Alle 15:00 (le 9:00 ora di New York) il contratto future sull’indice S&P500 e’ in ribasso di 4.80 punti (-0.31%) a 1531.00.

Il contratto sull’indice Nasdaq 100 segna -5.00 punti (-0.25%) a 1960.75.

Il contratto sull’indice Dow Jones perde 36 punti (-0.26%) a 13624