FUTURES: MERCATI DEBOLI CONDIZIONATI DAL PETROLIO

di Redazione Wall Street Italia
3 Agosto 2005 13:54

A un’ora e mezza dall’apertura delle borse, i contratti sugli indici Usa sono leggermente negativi.

Alcune pressioni sui mercati americani arivano anche oggi dal petrolio, tornato sopra i $62 al barile. Il contratto future con scadenza settembre in questo momento guadagna 37 centesimi a $62.26 al barile. Il perzzo si e’ spinto fino a $62.31, un centesimo al di sopra del record stabilito lunedi’ dopo la notizia della morte di Re Fahd in Arabia Saudita.

Sul fronte societario a tenere banco sono le notizie di fusioni e acquisizioni. Il colosso degli articoli sportivi Adidas ha alzanciato un’offerta di takeover di $3.8 miliardi per la concorrente Reebok. La mossa consentira’ al gruppo di accrescere la concorrenza a Nike.

Per quanto riguarda gli utili, il gruppo multimediale Time Warner ha riportato una perdita netta trimestrale, condizionata da alcuni pagamenti per questioni giudiziarie, ma ha annunciato un piano di riacquisto azioni per $5 miliardi nei prossimi due anni.

Sul fronte economico, alle 16:00 ora italiana saranno diffusi i dati di luglio sull’indice ISM relativo ai servizi.

Vedi decine di small e medium cap in forte crescita segnalate da
WSI nella rubrica Titoli Caldi, una delle 10 sezioni in tempo reale
riservate agli abbonati a INSIDER. Se non sei gia’ abbonato, clicca sul
link INSIDER

Sugli altri mercati, sono in lieve rialzo i titoli di Stato. Il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ al 4.32% contro il 4.33% della chiusura di martedi’. L’oro guadagna $3.6 a $434.6 all’oncia e l’euro viene scambiato a 1.2221 contro il dollaro.

Alle 13:45 (le 7:45 ora di New York) il contratto future sull’indice S&P 500 cede 0.60 punti (-0.05%) a 1244.5 punti.

Il contratto sull’indice Nasdaq e’ in ribasso di 1.5 punti (+0.17%) a 1629 punti.

Il contratto sull’indice Dow Jones arretra di 6 punti (-0.06%) a 10677 punti.