FUTURES: L’OTTIMISMO SUGLI UTILI SPINGE I MERCATI USA

di Redazione Wall Street Italia
22 Agosto 2005 14:20

A circa un’ora dall’apertura delle borse, i contratti sugli indici Usa sono positivi.

A favorire gli ordini di acquisto e’ il calo del petrolio, sceso poco sopra a $65 al barile. Il future con scadenza settembre in questo momento cede 33 centesimi a $65.02 al barile.

Sebbene resti a livelli elevati, il mercato sembra prestare maggiore attenzione alle buone prospettive di crescita degli utili. Reuters Research stima che nel secondo trimestre gli utili dello Standard & Poor’s 500 siano saliti del 12.7%, ben al di sopra delle attese di Wall Street. Per il terzo e quarto trimestre i profitti dovrebbero salire rispettivamente del 12.7% e 10.5%.

Sul fronte societario, sotto i riflettori Procter & Gamble. Un portfolio manager intervistato da una rivista finanziaria Usa ritiene che il titolo tratti a livelli nettamente inferiori al suo valore effettivo.

Intanto proseguono le operazioni di fusioni societarie. OSI Pharmaceuticals ha annunciato che acquistera’ Eyetech Pharmaceuticals (EYET) per circa $935 milioni in cash e azioni.

Vedi decine di small e medium cap in forte crescita segnalate da
WSI nella rubrica Titoli Caldi, una delle 10 sezioni in tempo reale
riservate agli abbonati a INSIDER. Se non sei gia’ abbonato, clicca sul
link INSIDER

Sugli altri mercati, sono in lieve ribasso i titoli di Stato. Il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ al 4.22% contro il 4.20% della chiusura di venerdi’. L’oro guadagna $2.5 a $444.7 all’oncia e l’euro viene scambiato a 1.2229 contro il dollaro.

Alle 14:20 (le 8:20 ora di New York) il contratto future sull’indice S&P 500 guadagna 2.4 punti (+0.20%) a 1226 punti.

Il contratto sull’indice Nasdaq e’ in rialzo di 4 punti (+0.25%) a 1583 punti.

Il contratto sull’indice Dow Jones avanza di 18 punti (+0.17%) a 10610 punti.