FUTURES: IN FORTE CALO SULLE NOTIZIE DA LONDRA

di Redazione Wall Street Italia
7 Luglio 2005 14:45

A quasi un’ora dall’apertura i contratti sugli indici Usa sono negativi, sulla scia delle notizie di esplosioni su autobus e nella rete metropolitana di Londra.

Al momento il contratto future sull’indice S&P 500 e’ in ribasso di 15.90 punti (-1.33%) a 1182.70 punti.

Il contratto sull’indice Nasdaq 100 arretra di 20.50 punti (-1.36%) a 1486 punti.

Il contratto sull’indice Dow Jones e’ in ribasso di 133 punti (-1.32%) a 10155.

L’apertura della borsa americana sara’ negativa, ma sulla performance giornaliera molto dipendera’ dalle notizie e aggiornamenti che giungeranno nell’arco della mattinata. L’incertezza non giova ai mercati e in certe situazioni gli investitori “cercano copertura” finche’ la situazione non diventa piu’ chiara.

Sotto pressione in mattinata anche il comparto energetico, con le quotazioni del petrolio in netto calo. Dopo essersi spinto ad un nuovo record storico di $62.10, il contratto future con scadenza agosto ha ritracciato in seguito alle notizie provenienti da Londra fino ad un minimo intraday di $57.20. In questo momento cede 78 centesimi a quota $60.50 al barile. Alle 16:30 ora italiana saranno comunicati i numeri sulle scorte per la settimana conclusasi il primo luglio.

In netto rialzo, invece, i titoli di stato e l’oro. Il rendimento sul Treasury a 10 e’ calato al 3.99% dal 4.07% della chiusura di mercoledi’. Il future sull’oro con scadenza agosto e’ in progresso di $2.2 a $426.7 all’oncia.
Sul valutario, il dollaro ha perso terreno nei confronti dell’euro. Al momento il cambio tra le due valute e’ 1.1948.

Vedi decine di small e medium cap in forte crescita segnalate da
WSI nella rubrica Titoli Caldi, una delle 10 sezioni in tempo reale
riservate agli abbonati a INSIDER. Se non sei gia’ abbonato, clicca sul
link INSIDER

Passando agli aggiornamenti economici, sono risultate sostanzialmente in linea con le previsioni le nuove richieste di sussidi di disoccupazioni. Il Dipartimento del Lavoro Usa ha comunicato che nella settimana conclusasi il 2 luglio, sono salite di 7.000 unita’ a quota 319.000. Le attese degli analisti erano per un valore di 320.000 unita’.